EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

A Kiev la festa dei bambini per i soldati tornati dall'est

A Kiev la festa dei bambini per i soldati tornati dall'est
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Nella scuola materna in cui era stata organizzata una colletta per il Centro grandi ustionati, i piccoli hanno voluto incontrare i militari che combattono all'aeroporto di Donetsk.

PUBBLICITÀ

Certe volte sono i bambini a fare dei doni ai grandi. Così è successo a Kiev, in una scuola materna dove alcuni soldati, normalmente impegnati all’aeroporto di Donetsk, hanno fatto visita a coloro che due mesi fa avevano organizzato una colletta per il Centro grandi ustionati, dove questi militari feriti vengono curati.

I bambini stessi avevano espresso il desiderio di
ringraziare i soldati per il loro operato.

“Questi bambini ci hanno dato così tanto calore. Ci ricordano che abbiamo una storia da difendere e un futuro per cui combattere” dice ‘Boa’, soprannome di un soldato che ha combattuto all’aeroporto per oltre un mese, subendo 8 ferite.

Al di là dello spettacolo organizzato in questo clima di festa, dalla scuola arrivano costantemente aiuti concreti per i militari. Come spiega la preside Svitlana Pozikhailo

“Vogliamo – afferma – migliorare la vita di questi ragazzi. Gli mandiamo caffè, medicine, vestiti caldi e i disegni dei bambini. I bambini chiedono loro di tornare vivi. È il loro desiderio più grande”.

“Auguro loro felicità, salute e vittoria”. dice un bambino.

Una giornata di pace e serenità per i "cyborg", come da qualche tempo vengono chiamati i soldati impegnati sul fronte caldo dell’Ucraina orientale e, in particolare, in quel che resta dell’aeroporto di Donetsk, bersaglio di costanti attacchi da parte dei separatisti russi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina: Zaluzhny rimosso dalla guida dell'esercito, ecco cosa ne pensano i soldati

Ucraina: un altro Natale al fronte per i soldati

L'Ucraina festeggia il Natale ortodosso il 25 dicembre: è la prima volta dal 1917