ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Bangkok, porta di ingresso dell'Asia

Lettura in corso:

Bangkok, porta di ingresso dell'Asia

Bangkok, porta di ingresso dell'Asia
Dimensioni di testo Aa Aa

Con la sua torre di controllo di 132 metri, la più alta al mondo, l’aeroporto Suvarnabhumi di Bangkok è uno dei più efficenti al mondo . Ogni anno atterrano e partono 300mila voli, con destinazioni verso 71 Paesi.
Da poco è cominciata la seconda fase di ingradimento. L’obiettivo è quello di aumentare la capacità in termini di passeggeri e di merci. In pratica, fare di questo scalo una vera porta di ingresso verso l’Asia.

Operativo dal 2006, iper-tecnologico e funzionale, si trova a 25 chilometri dal centro di Bangkok ed è regolarmente classificato tra i cinque migliori aeroporti al mondo.
I lavori di ampliamento dovrebbero terminare tra tre anni, nel 2017.

“La fase 2 della costruzione dell’aeroporto rappresenta un investimento di circa 1,4 miliardi di euro. Il numero di passeggeri potrà salire da 45 a 60 milioni all’anno”, dice Boonrit Chitrabiab della società Airports of Thailand.

I lavori prevedono l’estensione del metro, la costruzione di un edificio per gli affari, lo sviluppo di infrastrutture per l’acqua e l’elettricità ma anche l’ampliamento del terminal principale e la costruzione di una nuova area satellite per eliminare i problemi di congestione.

“Il terminal sarà lungo un chilometro e alto quattro piani. Avrà 28 porte di cui otto concepite specificamente per l’Airbus A380”, dice Boonrit Chitrabiab.

L’ampliamento serve anche per sviluppare il cargo. Oggi l’aeroporto ha una capacità pari a tre milioni di tonnellate di merci per anno, l’equivalente del volume degli scali più grandi, come quello di Shanghai per esempio.
Altra particolarità di Survanabhumi è la zona franca, che ha i depositi collegati direttamente al terminal cargo.

“I vantaggi della zona franca sono l’esenzione dei diritti doganali e l’Iva pari a zero, ma soprattutto il risparmio di tempo e di soldi. Il terminal cargo dista soltanto 100 metri dai depositi”, dice Wallapa Stirachavarn Chief Strategist Officer di Eagles Air & Sea.

L’aeroporto è una vera e propria piattaforma logistica multinodale, a 2 km dall’autostrada, a 6 km dalla rete ferroviaria, a 60 km dalle infrastrutture portuali ed è collegato agli altri cinque aeroporti del Paese.

“Non ci manca davvero nulla per essere l’hub dell’Asia – conclude Wallapa Stirachavarn -. I prodotti che arrivano qui possono essere spediti ovunque in Asia nel giro di 24 ore”.

Gli obiettivi sono estremamente ambiziosi. In futuro, Survanabhumi potrà accogliere potenzialmente 120 milioni di passeggeri e sei milioni e mezzo di tonnellate di merci all’anno.