Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Lo spirito di Mandela al Soccer City di Johannesburg

Lo spirito di Mandela al Soccer City di Johannesburg
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Laurence Alexandrowic, Euronews:

François Chignac è l’inviato speciale in Sudafrica, allo stadio Soccer City di Johannesburg. Il presidente Barack Obama ha definito Nelson Mandela “un gigante della storia”, ma ha anche criticato i leader che da un lato onorano il “Mandela-uomo di pace” ma dall’altro opprimono i loro popoli. Lo spirito di Mandela era presente oggi?

François Chignac:

Lo è, continua a esserlo. E come ha ricordato nel suo intervento il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon, Mandela è riuscito a unire i leader politici anche nella morte. In Sudafrica sono arrivati più di novanta leader mondiali, abbiamo visto Barack Obama stringere la mano a Raul Castro, abbiamo visto Barack Obama al fianco di George Bush, abbiamo visto François Hollande al fianco di Nicolas Sarkozy, i giapponesi al fianco dei cinesi, gli iraniani al fianco degli arabi e dei turchi. Tutti questi leader sono qui per rendere un ultimo omaggio a Nelson Mandela.

Euronews:

Ci sono altri momenti forti che hanno segnato questa cerimonia? Abbiamo sentito dei fischi…

François Chignac:

L’intervento del presidente sudafricano Jacob Zuma. È stato eletto nel 2009 e quando ha iniziato a parlare abbiamo sentito dei fischi in tutto lo stadio Soccer City. All’inizio non è riuscito a parlare e questo fa presagire un futuro piuttosto inquietante in Sudafrica viste le scadenze elettorali del prossimo anno. L’ANC – il partito di Zuma – è molto criticato e il suo intervento è stato fischiato con veemenza qui allo stadio Soccer City”.

Euronews:

Grazie François. Ricordo che la cerimonia di Johannesburg coincide con l’assegnazione del Premio Nobel per la Pace 2013 a Oslo, vent’anni dopo quello assegnato a Nelson Mandela e Frederik de Klerk.