Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Una sera in Provenza sulle note di Schumann e Beethoven

Una sera in Provenza sulle note di Schumann e Beethoven
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Saint Paul de Vence, gioiello provenzale, abbarbicato su un colle che domina la Costa Azzurra, luogo d’elezione di personaggi come Marc Chagal, Jacques Prévert o Yves Montand e Simone Signoret, ospita d’estate il Festival di Musica da Camera.

Ai piedi delle mura medievali, di fronte a un panorama sublime, si sono esibiti anche la pianista Claire Désert e Gérard Caussé, alla viola. Tra i pezzi suonati, i “Märchenbilder” di Schumann e la terza sonata di Beethoven per pianoforte e violoncello.

“Schumann è forse il mio preferito, confessa la pianista francese, perché è il compositore a cui mi sento più vicina, da sempre, è quello che ho inciso di più. Il suo è un mondo molto particolare, di fragilità, di passione, è quello che più mi corrisponde. E si tratta dello lo Schumann più segreto, più appassionato.”

“È una composizione abbastanza breve, spiega Gérard Caussé, in quattro movimenti, e come accade sempre con Schumann c‘è un elemento di sogno, se non di eccessivo trasporto. E c‘è sempre il fascino delle melodie lente, nostalgiche, talora deprimenti, associate a movimenti che ricordano i cavalli… un andamento ippico! Allora era quello il punto di riferimento, non c’era scelta, il motore a scoppio non esisteva.

“Ho trascritto la sonata per violoncello opera 69 di Beethoven che trovavo straordinaria. Era frustrante non poterla suonare con la viola, e allora mi sono detto ‘la trascrivo’, e così ho fatto!”

“La tessitura della viola, aggiunge Claire, apporta alla musica di Beethoven un profondità e forse anche una certa asprezza. È proprio quel suo colore così originale a farci sentire la musica attraverso un prisma diverso. I due strumenti, viola e pianoforte, sono allo stesso livello, e dialogano da pari a pari. E il romanticismo, il lirismo di Beethoven, in questa terza sonata è particolarmente evidente, eloquente.”

Nel servizio è possibile ascoltare alcuni momenti dei Märchenbilder, op. 113, di Robert Schumann, e la Sonata n. 3 in la maggiore, op. 69, di Ludwig van Beethoven.