This content is not available in your region

Allerta diesel: cresce il timore di una carenza di gasolio

Access to the comments Commenti
Di Ludovica Longo
Carenza di gasolio in Europa
Carenza di gasolio in Europa   -   Diritti d'autore  AP Photo   -  

Allerta gasolio

L'Europa è diventata dipendente non solo dal gas russo, ma anche dal suo diesel. In Europa infatti viene utilizzato molto più gasolio di quanto ne venga prodotto dalle raffinerie europee.

A causa della guerra in Ucraina, presto non sarà più possibile importare petrolio e gasolio nell'Unione Europea, cresce dunque il timore di una carenza di gasolio.

L'eccezione dei Paesi Bassi

"Certamente non nei Paesi Bassi. Nei Paesi Bassi abbiamo una posizione molto favorevole", afferma Erik Klooster, direttore VEMOBIN.

 "Produciamo circa tre o quattro volte di più di quanto consumiamo. È vero che la situazione in Europa è piuttosto preoccupante. Vediamo che le scorte sono molto basse. Ci aspettiamo anche che venga importato meno gasolio, il che porterà a carenze piu gravi".

Poiché il numero di conducenti privati di veicoli diesel è in rapida diminuzione, il prezzo colpisce soprattutto il settore dei trasporti e la comunità imprenditoriale. Il consumatore paga indirettamente, perché gli alti prezzi del diesel sono incorporati nel prezzo dei prodotti.

L'esempio di BP

"In precedenza, circa un terzo del greggio utilizzato qui proveniva dalla Russia" afferma l'amministratore delegato di BP la quale vanta una delle più grandi raffinerie d'Europa a Rotterdam e produce un milione di litri di diesel ogni ora. "Abbiamo smesso di usare il gasolio russo immediatamente alla fine di febbraio, quando si è creata la terribile situazione in Ucraina".

Molte raffinerie hanno già ridotto le importazioni di petrolio e gasolio russo in previsione delle sanzioni. Non solo l'Europa, ma anche gli Stati Uniti stanno cercando di importare gasolio da altre parti del mondo.