ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Funerali europei per Helmut Kohl


Germania

Funerali europei per Helmut Kohl

È stato il primo funerale di Stato organizzato dall’Unione europea, quello celebrato a Strasburgo in onore a Helmut Kohl, ex cancelliere tedesco e uno dei padri della costruzione europea.

Il feretro, arrivato in mattinata dalla sua casa in Germania, coperto con una bandiera europea è stato esposto nell’emiciclo.dove sono stati pronuinciati i discorsi ufficiali.

“Un giorno Kohl, in una riunione, a un certo punto ha chiesto la parola, ed è stata una cosa inusale per lui. Ha chiesto di parlare e aveva le lacrime che glielo impedivano. Era il giorno in cui iniziavano i colloqui per l’allargamento dell’Unione europea, e fu uno dei momenti più belli della sua vita. Passaggi come questo dell’allargamento, per lui, cancelliere tedesco, sono state cose che lo hanno toccato profondamente nel cuore”.

Commosso il ricordo dell’ex presidente statunitense Bill Clinton, che ha parlato di Kohl come di un amico sincero.

“Riposa amico mio. Il più grande regalo che ci hai lasciato è la lezione che la cosa più importanta nella vita, quella che vogliamo lasciare ai figli, è la libertà, la pace, la sicurezza, la prosperità; la voglia di realizzare i propri sogni e di credere che possano essere grandi. Hai fatto un grande lavoro con la tua vita, e tutti noi che lo abbiamo condiviso ti abbiamo amato per questo. Grazie”.

E ad Angela Merkel è toccato ringraziare quello che in passato fu la sua guida politica.

“Molte delle cose che diamo per scontate le dobbiamo a lui: la riunificazione dell’Europa dell’Est e di quella dell’Ovest, il mercato unico, il fatto che non ci siamo più i controlli ai confini dei paesi membri dell’Unione europea, il fatto che molti paesi europei abbiano una moneta unica, l’esistenza stessa dell’Europa come la conosciamo oggi… tutte queste cose sono e resteranno legate al suo nome”.

Fu lo stesso Kohl a disporre che le sue esequie venissero celebrate a Strasburgo e non a Berlino, a riprova del suo straordinario attaccamento all’idea di una Europa unita.