Quali sfide deve affrontare oggi il mercato unico della Ue?

Di Andrea Bolitho
Quali sfide deve affrontare oggi il mercato unico della Ue?
Diritti d'autore  euronews

Il mercato unico dell'Unione europea compirà 30 anni nel 2023. Una pietra miliare dell'economia, che ha cambiato la vita delle imprese e delle persone in tutto il continente e che continua a farlo oggi. Merci, servizi e denaro si muovono facilmente all'interno del mercato unico. E lo stesso vale per le persone: si può andare all'estero per viverci, lavorare o in pensione. 

Si possono acquistare prodotti online senza restrizioni geografiche; telefonate e biglietti aerei sono più economici; non ci sono dogane, dazi o tasse per le aziende che acquistano e vendono nel mercato unico. I prodotti hanno gli stessi standard di sicurezza e ambientali, e l'Unione europea ha maggiore potere per negoziare accordi commerciali con il resto del mondo. 

Ma il mercato unico non è statico, si evolve con i cambiamenti dell'economia. Quali sono le sfide e i problemi che il mercato unico deve affrontare oggi? "Sembra di essere nel campo base di una spedizione, perché c'è una crisi sanitaria - il Covid è ancora in giro - e c'è la crisi energetica in seguito all'aggressione russa: è su questo che ci stiamo concentrando, facendo leva sul mercato unico - dice Kerstin Jorna, direttrice del dipartimento sul Mercato unico della Commissione -. Abbiamo bisogno di vaccini, all'inizio non ne avevamo. Lavorando insieme, acquistando i vaccini insieme e costruendo una catena di approvvigionamento industriale, sono sicura che avremo abbastanza vaccini per i cittadini di tutto il mondo. Il secondo punto è il sistema energetico. Dobbiamo abbandonare i combustibili fossili russi e il mercato unico può aiutarci in due modi: lavorare insieme per procurarci l'energia di cui abbiamo bisogno e accelerare l'impiego di energie rinnovabili".

Skoon Energy, esempio del successo del mercato unico

Rotterdam è la sede di Skoon Energy, una startup che affitta sistemi di energia pulita a cantieri, porti e altro ancora in tutta Europa, riducendo la necessità di generatori diesel. Grazie al mercato unico, Skoon ha potuto lavorare oltre confine.

"Tutti in Europa vogliono conoscere le implementazioni già realizzate in un altro Paese - dice Peter Paul van Voorst tot Voorst, fondatore di Skoon Energy -. Nel settore dell'energia pulita vengono generati così tanti dati che, se non si resta aggiornati, si perde davvero qualcosa. Siamo contenti di essere nei Paesi Bassi e di poterci espandere facilmente nel resto d'Europa perché è lì che il nostro prodotto funziona".

Skoon ha lanciato un progetto nella città olandese di Tiel: un sistema di alimentazione ibrida per gli alloggi dei rifugiati. Il generatore carica una batteria, che poi, silenziosamente, fornisce elettricità alle famiglie che vivono qui. "Una cosa che si desidera, quando si arriva in un alloggio per rifugiati, è poter dormire bene - dice van Voorst -. Ecco perché il comune di Tiel ha scelto di non utilizzare un generatore diesel 24 ore su 24 per questi alloggi". La batteria fornita da Skoon permette di risparmiare più di 2.000 litri di gasolio a settimana, per un valore di 5mila euro, e 6 tonnellate di emissioni di CO2.