EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Persone con disabilità intellettuali: la tecnologia diventa "caregiver"

In collaborazione con The European Commission
Persone con disabilità intellettuali: la tecnologia diventa "caregiver"
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Angela BarnesCristiano Tassinari
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Siamo andati a Poznan, in Polonia, per scoprire un progetto di innovazione chiamato "Insension", che è stato sviluppato per dare alle persone con profonde disabilità intellettuali e multiple un nuovo modo di comunicare.

In un centro di ricerca di Poznan (Polonia) si sta sviluppando un progetto di innovazione unico nel suo genere, denominato "Insension".
L'obiettivo è quello di trasformare la vita delle persone con profonde disabilità intellettuali, utilizzando e facendo progredire le tecnologie, come l'Intelligenza Artificiale e l'Internet delle Cose, per fornire loro un nuovo modo di comunicare.

Euronews

Siamo andati ad incontrare il coordinatore del progetto di ricerca europeo, Michał Kosiedowski.

"La tecnologia farà lo stesso lavoro dei caregiver"

"Stiamo cercando di costruire un sistema che aiuti le persone con disabilità intellettuali, che cerchi di fare lo stesso lavoro che viene fatto oggi da chi si prende cura di loro, i cosiddetti "caregiver".

Così la telecamera guarda la persona con disabilità, poi questo componente software di intelligenza artificiale può identificare questa persona in modo da monitorare le mani, le braccia, e tutto il corpo, quindi decodificare tutti i suoi gesti.
La telecamera osserva anche i punti della faccia che vengono monitorati e che sono un'indicazione di una specifica espressione del viso", conclude Michał Kosiedowski.

Euronews
Angela Barnes in compagnia del coordinatore del progetto "Insension", Michał Kosiedowski.Euronews
Condividi questo articolo

Notizie correlate

Disabilità, Pakistan: il campione di biliardo senza braccia