EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Bruxelles risponde alla Cina. Megaprogetto contro le "Vie della Seta" lanciate da Pechino

Bruxelles risponde alla Cina. Megaprogetto contro le "Vie della Seta" lanciate da Pechino
Diritti d'autore Dati Bendo/ EU/Dati Bendo
Diritti d'autore Dati Bendo/ EU/Dati Bendo
Di Christopher PitchersAlberto de Filippis
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Miliardi di euro investiti in paesi che hanno bisogno di svilupparsi per contrastare l'ingerenza e l'espansionismo cinese

PUBBLICITÀ

Trecento miliardi di euro è l'importo stanziato da Bruxelles mercoledì per rafforzare i legami con i paesi in via di sviluppo, in risposta alla crescente influenza della Cina.

A prima vista, il cosiddetto "Global Gateway" della Commissione europea mira a investire miliardi nei paesi più poveri entro il 2027 per aiutarli con progetti infrastrutturali che non possono permettersi da soli, ma al centro c'è una strategia progettata per rivaleggiare con la Belt and Road Initiative di Pechino, e per offrire un'alternativa.

Dice Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea: "Sanno che siamo trasparenti. Sanno che questi progetti sono accompagnati da una buona governance. Sanno che non rimarranno debiti insostenibili. Inoltre, le comunità locali beneficiano davvero del valore aggiunto dell'investimento infrastrutturale e noi portiamo avanti il settore privato - un settore privato che in questo modo non esiste in Cina. Quindi, è una vera alternativa".

Bruxelles vuole che le principali aree di investimento siano: -

- progetti digitali

- trasporto,

- Salute

- clima ed energia

- istruzione

L'iniziativa cinese Belt and Road è una vasta collezione di progetti infrastrutturali globali. Essa è attiva e funzionante dal 2013. Nonostante il tardivo ingresso in partita di Bruxelles, uno dei principali legislatori dell'UE sugli affari cinesi afferma che questa mossa ha già un impatto su Pechino.

Reinhard Bütikofer, eurodeputato tedesco, gruppo Verdi/Alleanza libera europea: "Direi che anche la discussione intorno al Global Gateway ha già avuto un effetto sulla Cina. Se le persone ascoltano attentamente ciò che viene detto da Pechino, all'improvviso Xi Jinping parla di progetti di qualità: è una novità. All'improvviso lui parla di sostenibilità, questa è una novità. Il fatto che la Cina ora si attenga a questi criteri è già un effetto positivo che stiamo avendo e al riguardo accolgo con favore qualsiasi concorrenza".

La Commissione non ha fornito esempi specifici di quali progetti saranno investiti, ma ha affermato che potrebbero essere possibili cavi dati sottomarini che collegano continenti e collegamenti di trasporto.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Zelensky si ferma in Irlanda per incontrare il premier Harris

Guerra in Ucraina: attacchi con droni da entrambe le parti, due morti a Kherson

Serbia: Vučić accusa i Paesi occidentali di voler rallentare l'adesione all'Ue