EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Fortezza Europa, il vecchio continente fra difesa dei diritti e pressione migratoria

Fortezza Europa, il vecchio continente fra difesa dei diritti e pressione migratoria
Diritti d'autore Fred MARVAUX/ European Union 2021 - Source : EP
Diritti d'autore Fred MARVAUX/ European Union 2021 - Source : EP
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La pressione migratoria alle porte d'Europa le tensioni con la Bielorussia

PUBBLICITÀ

Accuse di respingimenti, violazioni dei diritti umani e almeno otto morti. Alle frontiere esterne dell'UE polacca e lituana con la Bielorussia, sembra essere tornata l'idea della cosiddetta "Fortezza Europa". Migranti e richiedenti asilo intraprendono la nuova rotta migratoria verso il blocco finiscono intrappolati tra le frontiere. Qualcosa potrebbe peggiorare se i paesi legalizzeranno i respingimenti.

Dice l'eurodeputato olandese Tineke Strik, appena tornato dalla regione: "L'Ungheria è ora l'unico Stato membro che ha legalizzato i cosiddetti respingimenti. Ci sono già una serie di sentenze della Corte di giustizia europea che chiariscono che si tratta di una violazione assoluta del diritto dell'UE. Ora la Commissione dovrebbe essere davvero dura e coerente nei confronti quei tre paesi. Perché sono la Lituania, la sua Polonia e la Lettonia che hanno adottato la stessa legislazione. (...) Se la Commissione europea non si attiverà, temo davvero che potremmo finire con più Stati membri che adotteranno la stessa politiche."

Il nuovo afflusso dalla Bielorussia sta riaccendendo i confronti con la crisi dei migranti del 2015 .... quando migliaia di persone hanno attraversato il Mediterraneo. Da allora ha lasciato profonde divisioni in Europa.

Con l'obiettivo di affrontare i flussi futuri, la CE ha escogitato un nuovo patto sulla migrazione e l'asilo un anno fa. Ma l'opposizione lo ha bloccato e ora gli eurodeputati stanno presentando un elenco di emendamenti.

Così Catherine Woolard, segretaria generale del CRE (Consiglio Europeo Rifugiati): "Qualunque cosa accada con il patto, nel frattempo, gli Stati membri non stanno operando in un vuoto giuridico. Hanno chiari obblighi ai sensi del diritto internazionale e del diritto dell'UE. Quindi la flagrante mancanza di rispetto e la tolleranza delle violazioni, in particolare alle frontiere, è molto preoccupante. È anche rilevante perché se alla fine il patto venisse adottato, affronterebbe le stesse sfide in termini di attuazione se non si adottano misure per affrontare questi problemi".

Con il patto ancora alla deriva, persistono problemi alle frontiere esterne dell'UE nell'Europa orientale. Per Bruxelles, la soluzione a breve termine non è finanziare "filo spinato e muri" - come chiedono alcuni leader. Piuttosto mantenere una pressione sul regime del presidente Lukashenko in Bielorussia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

António Costa, presidente eletto del Consiglio europeo, è stato ricevuto a Palazzo Chigi da Meloni

Stati Uniti, quali relazioni con l'Unione europea nel dopo Biden

Rapporto Onu: "L'Aids potrebbe essere sconfitto entro il 2030, dipende dalle scelte politiche"