EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

La Nato si prepara in caso di attacco russo

La Nato si prepara in caso di attacco russo
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Alla riunione dei ministri della difesa gli Usa spingeranno per la preparazione di forze pronte a rispondere in caso di attacco nemico. E anche se nessuno parla della Russia ad alta voce, Mosca s'inquieta delle esercitazioni Nato ai suoi confini.

PUBBLICITÀ

Il nuovo quartier generale della Nato a Bruxelles ospita giovedì e venerdì la sua prima riunione dei ministri della difesa. Washington cercherà un ampio consenso per ottenere più forze pronte a essere dispiegate in caso di attacco.

Il nuovo quartier generale della Nato

"Gli alleati avrebbero, entro il 2020, 30 battaglioni meccanizzati, 30 squadroni aerei e 30 navi da combattimento pronti entro 30 giorni - ha annunciato il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg in conferenza stampa -. Non si tratta di creare o schierare nuove forze. Si tratta di aumentare la preparazione delle forze esistenti".

Il possibile "nemico" di cui nessuno osa dire il nome è la Russia. Mosca non ha apprezzato le esercitazioni condotte nei giorni scorsi dall'Alleanza ai suoi confini.

"Questa parte dell'Europa, intorno al Mar Baltico, si presenta come una delle regioni europee più calme da molti anni. Evidentemente questo non piace a tutti", ha detto l'ambasciatore russo all'Ue Vladimir Chizhov. Mentre alla Russia, ha aggiunto il diplomatico, non piacerebbe un'integrazione del Montenegro alla Nato superiore a quella odierna. Montenegro dove nel frattempo gli aerei dell'Alleanza atlantica hanno cominciato a pattugliare i cieli.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Prognosi positiva per il premier slovacco Fico, attentatore portato in tribunale

Germania: Ultima Generazione blocca l'aeroporto di Monaco, voli cancellati e ritardati

Papa a Verona: abbraccio con israeliano e palestinese parenti delle vittime della guerra