L'istruzione come arma per un futuro migliore

L'istruzione come arma per un futuro migliore
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

In Turchia l'UE ha finanziato un programma per aiutare i bambini siriani ad andare a scuola

PUBBLICITÀ

La Turchia è il paese al mondo che ospita la più numerosa popolazione di rifugiati: quasi 4 milioni di persone, di cui il 95 per cento proviene dalla Siria. 1,7 milioni di rifugiati sono bambini e il 40 per cento che è in età scolare non si è ancora iscritto. Ciò aumenta il rischio di diventare vittime del lavoro minorile e di matrimoni prematuri. Euronews ha conosciuto a Istanbul Abdul-Kadir e Zaynab Alrifai, arrivati 4 anni fa da Homs. I loro figli vanno al Centro di Educazione Temporanea per prendere lezioni con insegnanti siriani, ma dove i imparano anche il turco.
“La vita ci ha insegnato che possiamo superare le difficoltà con la conoscenza. Ecco perché dobbiamo educare i nostri figli, in modo da avere una generazione capace di costruire un paese in modo appropriato, ciò sarà possibile so lo grazie all’istruzione”, sostiene Abdul.
330.000 bambini beneficiano del programma a di fondi per l’educazione. I loro genitori ottengono dai 6 agli 11 euro a bambino al mese in una carta di credito. Il programma era stato creato nel 2003 per i bambini turchi dal governo, ma è stato esteso ai rifugiati grazie a donatori internazionali, in collaborazione con con l’Unicef e la Mezzaluna rossa turca.
Philippe Duamelle, rappresentante dell’Unicef per la Turchia ci spiega che “C‘è bisogno di maggiori risorse per poter continuare a proteggere questi bambini, così da poter continuare a dare loro accesso a un’istruzione, avere un futuro migliore ed essere dotati di competenze essenziali”.
Accanto ai maestri c‘è anche una squadra di protezione per i minori: assistenti sociali e traduttori visitano le famiglie per valutare i rischi e capire di quali servizi hanno bisogno.
L’Unione europea ha contribuito con 34 milioni di euro al il programma. Nonostante le preoccupazioni per lo stato di diritto in Turchia e le sue operazioni militari nella provincia curda siriana, l’ambasciatore europeo in Turchia, Christian Berger, afferma che l’accordo del 2016 stipulato per fermare il flusso migratorio verrà mantenuto, con più fondi e un nuovo programma di ricollocamento.
“Siamo ora nella fase che prevede l’erogazione di altri 3 miliardi di euro, in totale saranno 6 miliardi di euro. La novità è un schema di ricollocazione volontario. Stiamo definendone la struttura”.
Dopo 7 anni di guerra e senza una soluzione politica in vista, il governo turco intende assorbire gradualmente i centri scolastici temporanei per i siriani nel sistema educativo nazionale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Russiagate, Metsola: Parlamento Ue pronto a revocare l'immunità degli eurodeputati coinvolti

Consiglio Affari Esteri Ue: Borrell, ok a estensione sanzioni per missili e droni iraniani

Ucraina: Crescono gli appelli ai Paesi Ue per aumentare le donazioni di sistemi di difesa aerea