EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Ultimo vertice europeo del 2016: un anno all'insegna delle crisi

Ultimo vertice europeo del 2016: un anno all'insegna delle crisi
Diritti d'autore 
Di Elena Cavallone
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Le crisi interne ed esterne all’Unione europea sono sul tavolo dei 28 capi di stato e di governo chegiovedì si riuniscono a Bruxelles per l’ultimo vertice del…

PUBBLICITÀ

Le crisi interne ed esterne all’Unione europea sono sul tavolo dei 28 capi di stato e di governo chegiovedì si riuniscono a Bruxelles per l’ultimo vertice del 2016. Tra le questioni più urgenti c‘è l’emergenza umanitaria in Siria. Il presidente francese Hollande ha lanciato un appello: “l’ultimatum umanitario è quello di chiedere che la popolazione, che ora è minacciata e tenuta in ostaggio, possa uscire da Aleppo e che possa essere aperto un corridoio umanitario. E se nelle prossime ore non saranno fatti degli sforzi allora i regimi che sostengono Bashar al-Assad dovranno assumersi la responsabilità di questa situazione estremamente grave per la popolazione. Parlo senza dubbio della Russia. La Russia ha preso degli impegni che non ha rispettato, è ora che si giunga ad una tregua.”

I leader si confronteranno anche sul tema dell’immigrazione. Dopo l’accordo con la Turchia, l’Unione europea ha intrapreso accordi anche con 5 paesi africani ,al fine di gestire l’emergenza rifugiati con i loro paesi d’origine e transito. La cancelliera Merkel ha dichiarato che l’UE sta collaborando su vari accordi riguardanti i migranti e che “lo sviluppo, la sicurezza e la lotta contro la tratta di esseri umani devono andare di pari passo per garantire che le persone non siano in pericolo”.

Infine la Brexit, piatto forte della cena informale che i 27 terranno per stabilire la linea comune sui negoziati con il Regno Unito. Il primo ministro britannico Theresa May spera in un divorzio ordinato, nell’interesse di tutte e due le parti. “Visto che ci accingiamo a invocare l’articolo 50 – ha dichiarato – e a far par partire i negoziati entro la fine marzo del prossimo anno, è giusto che gli altri leader si preparino ai negoziati. Lasceremo l’Unione europea ma vogliamo che sia un divorzio liscio e ordinato. Non è solo nel nostro interesse ma anche dell’Europa. “

Questo vertice chiude un anno difficile per l’Europa che si è mostrata divisa su molti fronti, dalla gestione dei migranti al suo ruolo sulla scena internazionale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Zelensky: assenza di Biden alla conferenza di pace sarebbe una "standing ovation" per Putin

L'Europa che voglio: allevamento e agricoltura, cosa farei da europarlamentare

La Spagna riconosce formalmente la Palestina: Sanchez, non adottiamo questa decisione contro nessuno