EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Repubblica Centrafricana, da Bruxelles altri 72 milioni di aiuti

Repubblica Centrafricana, da Bruxelles altri 72 milioni di aiuti
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Bruxelles aumenta di 72 milioni di euro gli aiuti in soccorso della Repubblica Centrafricana. L’annuncio è stato dato a Bruxelles in occasione della

PUBBLICITÀ

Bruxelles aumenta di 72 milioni di euro gli aiuti in soccorso della Repubblica Centrafricana. L’annuncio è stato dato a Bruxelles in occasione della conferenza dedicata alla situazione nel Paese africano, teatro di un sanguinoso conflitto civile.

377 i milioni di euro già stanziati dalla Commissione europea negli ultimi tre anni.

“Quello di oggi è un supporto aggiuntivo, inclusivo dei 10 milioni di euro per aiuti umanitari” ha dichiarato il Commissario Neven Mimica “L’Unione europea è a fianco della Repubblica Centrafricana e delle sfide che l’attendono in futuro”.

Presente a Bruxelles anche la Presidente di transizione del Paese africano, Catherine Samba Panza, che si è detta contenta dell’aiuto europeo.

“Grazie al sostegno europeo siamo riusciti a far fronte a diverse emergenze umanitarie” ha spiegato Samba Panza “E’ tempo di uscire dall’emergenza e sostenere la popolazione. Abbiamo un altissimo numero di rifugiati nel nostro Paese e moltissimi profughi nei Paesi vicini che vogliono tornare nella Repubblica Centrafricana”.

Nel 2013 la Repubblica Centrafricana viene sconvolta dal golpe di Stato condotto per mano delle milizie a maggioranza musulmana dei Seleka, cui si sono opposte quelle a maggioranza cristiana degli Anti-Balaka. Tremila i morti in un anno di conflitto.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Olimpiadi di Parigi: i soldati si allenano al combattimento ravvicinato

Francia: niente vicepresidenza per il Rassemblement national nell'Assemblea nazionale

Medico tedesco della Croce Rossa condannato a morte in Bielorussia, sostengono gli attivisti