This content is not available in your region

"Visible Invisible": a Milano la mostra dell'artista invisibile

euronews_icons_loading
"Visible Invisible": a Milano la mostra dell'artista invisibile
Di Cinzia Rizzi

Un uomo invisibile, che si mimetizza perfettamente con l'ambiente che lo circonda, con l'obiettivo di dimostrare che tutti i luoghi e gli oggetti hanno un'anima che li caratterizza. Questo è il leitmotiv di **"Visible Invisible", la mostra dell'artista cinese Liu Bolin, in scena al Mudec di Milano.
**

"Penso tutto il tempo perché voglio farlo, in una parola penso alle cose fatte dagli umani stessi. Voglio trovare un potenziale collegamento tra gli umani e le cose fatte dagli umani", dichiara l'artista cinese.

L'esposizione raccoglie una cinquantina di fotografie di Liu Bolin - che usa la tecnica del bodypainting per mimetizzarsi con lo sfondo - tra le quali un inedito della Pietà Rondanini, scattato al Castello Sforzesco di Milano. C'è anche il ciclo "Migrants", che ha coinvolto dei rifugiati-performers, ospiti di alcuni centri d’accoglienza in Sicilia.

"Visible Invisible" è in mostra al Mudec fino al prossimo 15 settembre.