Un tuffo nell'antica Gerusalemme con la realtà virtuale

Un tuffo nell'antica Gerusalemme con la realtà virtuale
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Una start up australiana ha ricostruito un giro turistico dell'antica Gerusalemme e la sua applicazione consente di attraversare il quartiere ebraico vedendo com'era 2000 anni fa

PUBBLICITÀ

Ritorno al passato. La realtà virtuale può servire ai turisti per vedere l'antica città di Gerusalemme, e consente di camminare in mezzo a edifici esistiti 2000 di anni fa. Una start-up australiana ha creato una ricostruzione archeologicamente accurata della città vecchia a cui è possibile accedere tramite apposita tecnologia.

La guida alla realtà virtuale, "Entra nella storia", consente allûtente di camminare e sperimentare edifici antichi come se fossero lì.

Eyad Haddad, guida turistica: Ho avuto il privilegio di guidare gruppi in diversi siti archeologici e invito sempre tutti ad usare l'immaginazione, dobbiamo farlo se vogliamo capire l'archeologia. Col dispositivo della realtà virtuale diventa molto più facile perché gli esperti lo hanno già fatto, calcolando tutte le informazioni relative a questa esperienza, di solito vediamo le cose così come sono oggi, quindi indossiamo il dispositivo della realtà virtuale, ci tuffiamo nel passato e possiamo goderci le cose com'erano.

La startup australiana Lithodomos VR ha sviluppato il tour virtuale in collaborazione con gli archeologi dell'Autorità israeliana per le antichità. L'esperienza di VR 360 nella città vecchia dura due ore. Il tour è ovviamente limitato esclusivamente al quartiere ebraico della città vecchia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Art Paris 2024: La ricca scena artistica francese al centro della scena, spiccano i giovani talenti

Andrey Gugnin vince il primo premio di 150.000 € al concorso internazionale Classic Piano 2024

Il festival Balkan Trafik! esplora la Moldova e le sue minoranze culturali