EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Russia: tasso di riferimento resta invariato, pesano inflazione e petrolio

Russia: tasso di riferimento resta invariato, pesano inflazione e petrolio
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I rischi legati all’inflazione e il mercato del petrolio incerto spingono la Banca Centrale Russa a lasciare invariato il principale tasso di

PUBBLICITÀ

I rischi legati all’inflazione e il mercato del petrolio incerto spingono la Banca Centrale Russa a lasciare invariato il principale tasso di riferimento. Quest’ultimo resta all’11% e non verrà ridotto nel breve periodo, ha lasciato intendere l’istituto centrale.

Tutto ciò nonostante l’aumento generale del livello dei prezzi abbia registrato una frenata, sfiorando l’8%, quasi la metà rispetto al 15% segnato per buona parte dello scorso anno.

I rischi inflazionistici restano elevati e sono legati al petrolio la cui rimonta – che ha anche provocato la ripresa del rublo – potrebbe non essere duratura, ha motivato la Banca centrale russa.

Secondo l’istituzione il Paese, in recessione, tornerà a crescere tra la fine dell’anno e l’inizio del prossimo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ue: Gentiloni al Brussels Economic Forum, non possiamo fare marcia indietro sulla transizione green

Economia: per la Commissione europea l'inflazione Ue in calo al 2,7 per cento nel 2024

Germania, il lavoro part-time sta davvero creando problemi economici?