EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

La sindaca ai musulmani, 'inaccettabile il bagno vestiti'

La prima cittadina di Monfalcone: 'Rispettate le nostre regole'
La prima cittadina di Monfalcone: 'Rispettate le nostre regole'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TRIESTE, 19 LUG - La spiaggia di Marina Julia a Monfalcone (Gorizia) è meta turistica e dunque è "inaccettabile il comportamento degli stranieri musulmani che entrano abitualmente in acqua con i loro vestiti: una pratica che sta determinando sconcerto e che crea insopportabili conseguenze alla salvaguardia del decoro". E' quanto scrive in una lettera aperta alla comunità musulmana locale la sindaca di Monfalcone, Anna Maria Cisint. "Chi viene da realtà diverse dalla nostra ha l'obbligo di rispettare le regole e i costumi - aggiunge - La pratica di accedere sull'arenile e in acqua con abbigliamenti diversi dai costumi da bagno deve cessare". Cisint, esponente della Lega, sottolinea che "non possono essere accettate forme di 'islamizzazione' del nostro territorio, che estendono pratiche di dubbia valenza dal punto di vista del decoro e dell'igiene". Secondo la prima cittadina, "comportamenti lesivi della rispettabilità e della dignità necessaria nella frequentazione di questi luoghi pubblici incidono negativamente nell'attrattività e nelle ricadute per i gestori dei servizi". E per far cessare la pratica di accedere all'arenile e al mare vestiti, si intende "applicare un apposito provvedimento a tutela dell'interesse generale della città e dei nostri concittadini". Peraltro, aggiunge, "questo inaccettabile comportamento si colloca in un contesto nel quale si riscontrano sempre maggiori lesioni alle norme, ai principi e alle forme che sovrintendono la vita comunitaria, rischiando in tal modo di allargare la frattura nei rapporti fra la grande maggioranza dei monfalconesi e la componente islamica. Mi riferisco - precisa - fra l'altro, alla sempre maggior presenza in città di donne con il burqa, con la integrale copertura del viso che impedisce ogni identificazione ed è evocativo di una visione integralista, che fa parte anche questa della volontà di non rispettare regole e norme dei Paesi di arrivo, in particolare della componente proveniente dal Bangladesh, che registra la presenza più numerosa tra gli stranieri residenti in città". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Bangladesh: studenti non fermano la protesta, il governo estende il coprifuoco

Trump tesse le lodi di Putin, Xi e Orbán, sull'attentato: "Ho preso un proiettile per la democrazia"

Alta tensione tra Israele e Houthi: morti e feriti a Hodeida, abbattuto un missile dallo Yemen