Nuova inchiesta su nomine in Regione Sardegna, 21 indagati

Revocato anche il sequestro della discarica di fanghi rossi
Revocato anche il sequestro della discarica di fanghi rossi
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CAGLIARI, 19 APR - Le nomine in Regione di nuovo sotto la lente della Procura di Cagliari. Un avviso di conclusione delle indagini preliminari è stato notificato questa mattina dagli uomini della Guardia di finanza al governatore Christian Solinas e a un'altra ventina di indagati. Tra questi ci sono consiglieri regionali, vertici degli uffici della Regione e di enti, ma anche noti imprenditori. Il pubblico ministero Andrea Vacca ipotizza a vario titolo i reati di corruzione, abusi d'ufficio e induzione indebita. Con Solinas sono indagati Alessandra Zedda, ex vice presidente della Regione e attuale consigliera regionale di Fi, Anita Pili, assessora regionale dell'Industria in carica, Massimo Temussi, ex direttore generale del centro regionale di programmazione e ora presidente e amministratore delegato di Anpal, Maurizio De Pascale, presidente di Confindustria Sardegna, Maika Aversano, presidente dell'Aspal, Silvia Curto, ex direttrice generale della presidenza della giunta, e Roberto Neroni, amministratore unico dell'Arst. Gli avvisi sono stati notificati anche a Silvia Cocco, Gianluca Calabrò, Emilio Fiorelli, Barbara Porru, Giancarlo Orrù, Nicola Giuliani, Marco Santoru, Francesca Piras, Damiana Palmira Pedoni, Gianfranco Porcu, Enrico Garau, Pasquale Onida e Gianfranco Mariano Lancioni. Il presidente Solinas è già sotto processo nel primo filone d'inchiesta legato sempre alle nomine: il procedimento si riferisce agli incarichi assegnati e poi contestati a Silvia Curto e ad Antonio Belloi, dg della Protezione civile regionale. Il processo a Solinas corre in parallelo con quello aperto nei confronti dell'allora assessora regionale degli Affari generali, Valeria Satta, ora responsabile dell'Agricoltura. Nell'udienza del 21 aprile prossimo i due processi verranno riuniti per celebrare un unico dibattimento. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Svezia, il futuro del clima e dell'energia rinnovabile passa dalle turbine eoliche in legno

Medio Oriente, la comunità internazionale e il G7 chiedono moderazione a Israele e all'Iran

Napoli: nave veloce da Capri urta contro la banchina, almeno 29 feriti