Morto Giovanni Di Fonzo, fu due volte deputato per l'Abruzzo

Suo nome legato a 'Costa dei Trabocchi' e Patto Sangro Aventino
Suo nome legato a 'Costa dei Trabocchi' e Patto Sangro Aventino
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - LANCIANO, 08 APR - Cordoglio nel mondo politico abruzzese per la morte di Giovanni Di Fonzo, 74 anni, deputato per due legislature, eletto nei collegi di Vasto e Lanciano (Chieti). L'ex parlamentare si è spento questa notte al policlinico Gemelli di Roma. Originario di Scerni (Chieti), Di Fonzo risiedeva da decenni a Lanciano dove ha svolto l'attività di insegnante e preside negli istituti tecnici e professionali. Era laureato in Scienze agrarie. Come deputato fu prima eletto con i Progressisti alle politiche del 1994, nel collegio uninominale di Vasto, quindi confermato alle elezioni del 1996, quando fu eletto nel collegio di Lanciano con il sostegno dell'Ulivo. Attualmente era presidente dell'associazione No profit Rati (Rete di Abruzzesi per il Talento e l'Innovazione) vicina ai giovani con l'obiettivo della promozione del talento e l'impegno di valorizzare creatività e merito. E' stato anche assessore provinciale a Chieti alle Attività produttive e contribuì alla nascita del Patto territoriale Sangro Aventino, con la storica visita dell'allora ministro Carlo Azeglio Ciampi. "La scomparsa di Giovanni Di Fonzo è una perdita per il nostro territorio e per moltissimi di noi che lo hanno avuto come riferimento per la politica e per la sua intelligenza a servizio della comunità - dichiara il capogruppo del Pd in Consiglio regionale Silvio Paolucci - Con lui ho condiviso gli anni della mia prima esperienza di consigliere provinciale, per tanti giovani è stato un maestro, un riferimento, un vero e proprio compagno di viaggio". L'ex parlamentare Camillo D'Alessandro, coordinatore regionale di Italia Viva, ricorda: "E' stato un autentico riformista. Un appassionato di giovani e di futuro, di scuola e di formazione e cercava di anticipare l'evoluzione futura. A lui si deve la premura costante per la Val di Sangro e per il suo sviluppo industriale e la cura della ricerca e dell'innovazione con la 'Notte dei Ricercatori'. Fu lui a pensare per primo alla ciclopedonale Costa dei Trabocchi". I funerali si svolgeranno martedì 11 aprile a Scerni, chiesa di San Panfilo ore 16. Di Fonzo lascia la moglie Concetta e i figli Chiara e Marco. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La sfida con l'energia eolica della Grecia nella prossima puntata di Euronews Witness

Moldova, timori per le influenze della Russia su presidenziali e referendum Ue

Haiti, l'allarme del Pam: in corso la peggiore crisi alimentare dal 2010