Scoperta finta endocrinologa, denunciata da azienda sanitaria

A Milano, aveva creato profili e curriculum vitae falsi
A Milano, aveva creato profili e curriculum vitae falsi
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 21 MAR - Si era creata profili falsi, curriculum vitae farlocchi e aveva persino rubato l'identità a un medico omonimo. Ma il gruppo privato Santagostino ha scoperto la truffa e ha denunciato la finta endocrinologa alla procura della Repubblica di Milano. A darne notizia è oggi 'Società e Salute Spa', la società proprietaria di Santagostino, che ha una rete di 35 poliambulatori attivi tra Lombardia, Bologna e Roma. "Nel corso delle verifiche che vengono svolte sui nostri operatori sanitari prima di completare le assunzioni - si legge nella nota della società - è stato scoperto che uno dei medici che lavorava nel periodo di prova con l'azienda, la finta endocrinologa G.P., aveva messo in essere una elaborata truffa ai danni nostri e di altri istituti sanitari, producendo falsi profili e curriculum vitae su Linkedin e altri social media; presentando documenti d'identità riportanti falsamente la professione, forgiando titoli di studio e di specializzazione contraffatti e impossessandosi dell'identità di un medico omonimo per l'iscrizione all'albo. Solo grazie ad un'approfondita investigazione la Società e Salute Spa - Santagostino ha scoperto l'elaborata truffa, che ha prontamente denunciato presso la procura della Repubblica di Milano". L'azienda sta ora provvedendo a contattare tutti i pazienti visitati dalla sedicente endocrinologa per offrire loro una visita gratuita con un vero endocrinologo. "La nostra priorità assoluta - afferma Luca Foresti, Ceo di Santagostino - è la salute dei nostri pazienti e per questo stiamo verificando ogni loro esigenza. Abbiamo poi immediatamente informato tutte le altre istituzioni che venivano chiamate in causa dai documenti falsi. È una vicenda in cui siamo parte lesa". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ilaria Salis candidata alle elezioni europee con Alleanza Verdi e Sinistra

Polonia, arrestata sospetta spia russa: raccoglieva informazioni per attacco a Zelensky

Crisi in Medio Oriente, tra gli italiani preoccupazione e insoddisfazione per il ruolo dell'Ue