EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Migranti: a Civitavecchia concluso sbarco naufraghi Life Support

Tra loro 28 minori soli. Il racconto di 'un viaggio di due anni'
Tra loro 28 minori soli. Il racconto di 'un viaggio di due anni'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - Si sono concluse da pochi minuti le operazioni di sbarco, nel porto di Civitavecchia, delle 156 persone soccorse in mare dalla nave Life Support di Emergency il 16 febbraio scorso. I naufraghi provengono da Bangladesh, Pakistan, Sudan, Eritrea, Egitto, Gambia, Chad, Camerun, Senegal Mali, Nigeria, Costa d'Avorio e Guinea Konakri. Tra di loro ci sono due donne (di cui una madre di tre bambini tra i 7 e i 10 anni) e 28 minori non accompagnati. Molti naufraghi hanno raccontano ai soccorritori di essere stati reclusi arbitrariamente in Libia dove hanno subìto violenze. "Oggi è il primo giorno della mia vita - commenta Iusef, uno degli uomini soccorsi, che sul corpo ha i segni delle violenze subite in Libia -. Non volevo passare la mia vita a fare il soldato e far la guerra per cui ho lasciato il mio Paese dopo aver terminato le scuole superiori. Mio fratello minore ha deciso di partire con me ma purtroppo in Libia siamo stati divisi e ora non ho idea di dove sia". Tra i minori non accompagnati presenti a bordo anche Keda che racconta di avere "viaggiato solo per due anni". "Sapevo che non c'era nessuno ad aiutarmi e che ero l'unico che si sarebbe preso cura di me. Molte volte ho pensato ai miei genitori, rimasti in Nigeria. Adesso mi sento addosso un'enorme responsabilità, la mia famiglia ha fatto enormi sacrifici per farmi arrivare fin qui e io ora farò altrettanto per loro", aggiunge. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Olimpiadi: tuffo nella Senna per la ministra dello Sport Oudéa-Castéra

János Bóka: "L'Europa deve avere rapporti diplomatici con la Russia"

Spagna: sette feriti nella festa a Pamplona, nessuno dalle corna dei tori