Acea: Barbara Marinali nominata presidente

Indicata dal sindaco Gualtieri dopo dimissioni Micaela Castelli
Indicata dal sindaco Gualtieri dopo dimissioni Micaela Castelli
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 17 FEB - Il consiglio di amministrazione di Acea ha nominato Barbara Marinali quale nuovo Consigliere non esecutivo e le ha conferito l'incarico di presidente del consiglio di amministrazione. Lo annuncia una nota di Acea. Marinali, che ha accettato la nomina, resterà in carica sino alla prossima assemblea degli azionisti. Il 15 febbraio scorso il sindaco di Roma Roberto Gualtieri, in qualità di socio di maggioranza di Acea spa, aveva scritto all'ad Fabrizio Palermo chiedendogli di convocare un consiglio di amministrazione straordinario per procedere alla cooptazione in seno al Cda di Barbara Marinali e alla sua contestuale nomina a presidente della società in sostituzione di Micaela Castelli che si era dimessa il giorno prima. "Barbara Marinali - si legge nella nota odierna di Acea- ha maturato significative esperienze nel settore pubblico e privato. Ha ricoperto importanti incarichi acquisendo una profonda conoscenza della struttura amministrativa e del tessuto istituzionale dello Stato. Attualmente ricopre rilevanti posizioni all'interno degli organi di società quotate". Marinali romana, nata nel 1964, una laurea con lode in Economia e Commercio, è presidente di Open Fiber e fa parte del cda di Webuild. In precedenza, tra l'altro ha occupato il ruolo di senior advisor del Ceo di Snam, ed ha fatto parte del Consiglio dell'autorita' di regolazione dei trasporti; è stata direttore generale per le infrastrutture stradali del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e direttore della segreteria del Cipe. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, un agente di polizia e un vicesceriffo muoiono in una sparatoria nello Stato di New York

Polonia, pro vita in marcia contro l'estensione del diritto all'aborto proposta dal governo

Nigeria: dieci anni fa il rapimento di 276 studentesse da parte di Boko Haram