Nozze combinate, pm chiede 5 anni per i genitori di una 24enne

L'accusa, persone schiave dei loro retaggi culturali
L'accusa, persone schiave dei loro retaggi culturali
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 19 DIC - Il pubblico ministero di Brescia, Erica Battaglia, ha chiesto la condanna a 5 anni per il padre e la madre di una ragazza di 24 anni di origini pakistane che la famiglia voleva far sposare in patria in un matrimonio combinato. Chiesta la condanna a cinque anni e un mese per il fratello accusato di maltrattamenti e un episodio di lesioni. I genitori della giovane devono anche rispondere del reato di costrizione o induzione al matrimonio ed è il primo caso a Brescia da quando è entrato in vigore l'articolo 558 bis del codice penale, che punisce chi organizza nozze combinate. In questo caso si parla di tentativo di far sposare la ragazza che ha fermamente espresso il suo dissenso. "Parliamo di persone schiave dei loro retaggi culturali. Emerge il poco rispetto nei confronti della libertà personale delle donne" ha spiegato il pm in aula. "Mi dissero che se non avessi fatto come dicevano loro avrei fatto la fine di Sana Cheema" aveva raccontato in aula la presunta vittima. Il riferimento è a Sana Cheema, la giovane di origini pakistane, cittadina italiana con residenza a Brescia, che secondo le autorità italiane, ma non quelle pakistane, sarebbe stata uccisa in patria dai parenti perché avrebbe rifiutato le nozze combinate. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Georgia, legge sugli "agenti stranieri": arresti in piazza e scontri in Parlamento

Le notizie del giorno | 16 aprile - Serale

Commissione Ue: Pieper rinuncia, ombre su von der Leyen a pochi mesi dalle elezioni