Ucraina: attacco russo a Bakhmut. Zelensky: "Musk, venga a vedere"

Access to the comments Commenti
Di Cristiano Tassinari  & Euronews World - Ansa - Agenzie internazionali
All'ospedale di Bakhmut. (30.11.2022)
All'ospedale di Bakhmut. (30.11.2022)   -   Diritti d'autore  Verkhovna Rada/Telegram

Nel 280° giorno di guerra, i combattimenti continuano nell'est dell'Ucraina, con il previsto attacco delle truppe russe per accerchiare Bakhmut, città di 70.000 abitanti nell'Oblast di Donetsk.

Secondo l'Institute for the Study of War, nel suo report quotidiano, i russi si stanno logorando nell'attacco "senza alcun vantaggio tattico". 

Il ministero della Difesa russo ha annunciato che l'esercito di Mosca ha preso il controllo di tre insediamenti proprio nella regione di Donetsk: Andriyivka, Bilogorivka e Pershe, mentre sono ancora in corso combattimenti per la conquista di Vodyane. 

"Musk, venga a vedere con i suoi occhi!"

Mentre prepara l'operazione per liberare la penisola di Kinburn, tuttora occupata dai russi, nel suo discorso notturno, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha risposto ai commenti di Elon Musk, in ottobre, sul fatto l'Ucraina dovrebbe cedere parte del territorio alla Russia per porre fine alla guerra.

Zelensky afferma che l'imprenditore miliardario (che pure aiuta l'Ucraina con il sistema di comunicazione Starlink) dovrebbe vedere di persona cosa ha fatto la Russia.

“Sono sempre disponibile. Se Musk vuol capire cosa ha fatto la Russia qui, venga in Ucraina e lo vedrà con i suoi occhi. Poi ci dirà come porre fine a questa guerra, chi l'ha iniziata e quando possiamo finirla".
Volodymyr Zelensky
44 anni, Presidente dell'Ucraina dal 2019

Nel frattempo, l'azienda elettrica di stato ucraina e la compagnia telefonica Kyivstar cercano di mantenere attive le linee di comunicazione, dopo che gli attacchi russi hanno tolto l'elettricità in almeno sei regioni del paese, con circa sei milioni di persone al buio.

Spiega Yuriy Dugnist, ingegnere di Kyivstar: 
"Ora abbiamo sia blackout continui sia altri che durano poche ore. Pertanto, per il funzionamento ininterrotto delle stazioni per i telefoni cellulari, disponiamo di potenti generatori diesel fissi, che utilizziamo per mantenere la nostra rete". 

E lontano dal Paese dilaniato dalla guerra, a Londra, la First Lady ucraina Olena Zelenska ha visitato la Cattedrale cattolica ucraina della Sacra Famiglia in Esilio, alla presenza di Re Carlo d'Inghilterra. Insieme hanno inaugurato un nuovo centro di accoglienza che aiuterà le famiglie ucraine sfollate.

Geoff Pugh/AP
Olena Zelenska con Re Carlo d'Inghilterra. (Londra, 30.11.2022)Geoff Pugh/AP