EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Pandemia energetica

Palamara
Palamara Diritti d'autore Palamara
Diritti d'autore Palamara
Di Luca Palamara
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Un altro tipo di pandemia sta mettendo alle corde il sistema sanitario nazionale. A causa della crisi energetica internazionale, il costo di energia elettrica e gas è aumentato notevolmente, non solo per famiglie ma anche per la sanità

PUBBLICITÀ

 Negli ultimi 3 anni gli ospedali italiani sono stati sotto pressione a causa dell’emergenza Covid, ma ora un altro tipo di pandemia sta mettendo alle corde il sistema sanitario nazionale.

A causa della crisi energetica internazionale, il costo di energia elettrica e gas è aumentato notevolmente, non solo per famiglie e imprese, ma anche per il settore pubblico, a cominciare dalla sanità.

"Noi siamo un’istituzione pubblica al servizio dei cittadini - spiega Ciro Verdoliva, direttore della Asl Napoli 1. “Quindi sostanzialmente alla fine le bollette le dovremo pagare. Non dobbiamo assolutamente tagliare i servizi e abbiamo il dovere di provare a contenere quanto più possibile il consumo energetico.”

 L’Ospedale Cardarelli di Napoli è il più grande del Sud Italia. Di recente, qui hanno ricevuto una bolletta per l’energia elettrica di 11 milioni e mezzo di Euro, che significa un incremento di più del 100% rispetto alla bolletta precedente di 5 milioni e mezzo.

A livello nazionale, ospedali e ASL dovranno affrontare nel 2022 un incremento di spesa per l’energia di 1 miliardo e mezzo di Euro.

A differenza di imprese o famiglie, gli ospedali non possono decidere di dare un taglio ai loro bisogni o ridurre le attività. L’assistenza ai pazienti deve essere costante, così come il consumo di energia. Ma alcuni hanno trovato metodi alternativi per il loro approvvigionamento energetico.

Presso l’Ospedale del Mare di Napoli, 4.500 metri quadri di pannelli solari producono energia sufficiente per permettere a questa struttura di fronteggiare la crisi energetica con maggiore fiducia.

 “Le strutture sanitarie in generale  - continua  Verdoliva - sono energivore e gassivore, quindi alti consumi sia di energia elettrica che di gas. Per cui è necessario dotarsi di comportamenti e di impianti tali che tendano ad abbattere i consumi.”

 I costi dell’energia son si possono cambiare, ma il Sistema sanitario nazionale potrebbe lavorare più efficacemente verso la sostenibilità ambientale, a cominciare dalle cose più semplici…come spegnere la luce, quando si esce.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Come trasformare il settore sanitario europeo in un mercato unico?

Price cap sul gas: la maggioranza dei Paesi europei è favorevole

Crisi Mar Rosso, le conseguenze sul trasporto marittimo per il porto di Trieste