This content is not available in your region

Morto Gianni Reinetti: i cugini, il coraggio della libertà

Access to the comments Commenti
Di ANSA
La sua fu la prima unione civile a Torino, con Franco Perrello
La sua fu la prima unione civile a Torino, con Franco Perrello

(ANSA) – TORINO, 11 AGO – “Il coraggio e la libertà di
scegliere sempre, giorno per giorno, con grande discrezione ma
tanta determinazione, senza timori, in tempi difficili come gli
anni ‘70 e ‘80, questo ha caratterizzato Gianni e Franco. Non si
sono mai tirati indietro”. Marco Zorzan era il figlioccio di
Gianni Reinetti e ricorda così il cugino, diventato insieme al
compagno di una vita, Franco Perrello, un simbolo di lotta per i
diritti. Un amore lungo 52 anni coronato nel 2016 con quella che
è stata la prima unione civile di una coppia gay. Marco e il fratello Fabrizio, sono insieme alla madre,
Silvana Reinetti, nella sala che ha accolto il rosario per
Gianni, morto due giorni fa all’età di 84 anni. Silvana è la
cugina che gli è stata accanto fino alla fine. A lei, Franco e
Gianni avevano fatto da testimoni al matrimonio e anni dopo, con
il marito, lei lo aveva fatto al loro. “Ho dei bellissimi
ricordi di Gianni e dei miei zii – racconta -, le belle partite
a carte insieme, i periodi passati con loro da bambina, le
marachelle che combinavo e che Gianni, più grande di 10 anni, mi
raccontava. Lo consideravo quasi un fratello e sono contenta che
lui e Franco siano riusciti a essere loro stessi, a coronare il
loro sogno di sposarsi e a diventare anche un simbolo per tante
persone, per chi è giovane e magari non osa dire di essere
omosessuale o per questo viene cacciato dalla famiglia o non può
essere se stesso. Sono contenta – conclude – che loro abbiano
potuto vivere la vita che desideravano e ringrazio molto tutte
le associazioni per il loro impegno e tutte le istituzioni e le
persone che in questi giorni ci hanno fatto sentire la loro
vicinanza”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.