Peste suina: focolaio Lazio diverso da Piemonte e Liguria

Emerge da indagini genetiche
Emerge da indagini genetiche
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TORINO, 03 AGO - Le indagini genetiche condotte dall'Istituto zooprofilattico sperimentale (Izs)di Abruzzo e Molise che ha sede a Teramo, hanno stabilito con certezza che il focolaio di Peste suina africana (Psa) che ha colpito i suidi a Roma e nel Lazio è di un cluster di differente genotipo virale rispetto al cluster responsabile della diffusione della malattia in Piemonte e Liguria. A riferirlo è l'Izs di Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta Le analisi, secondo quanto viene spiegato in una nota, "dimostrano senza ombra di dubbio che i due focolai non sono collegati tra loro in quanto dovuti a introduzioni del virus di provenienza diversa". "È un dato positivo - dichiarano il Sottosegretario di Stato al Ministero della Salute delegato all'emergenza Psa, Andrea Costa e il Commissario straordinario all'emergenza Psa, Angelo Ferrari -, che dimostra l'efficacia delle azioni di contenimento e isolamento realizzate sul territorio piemontese e ligure in materia di controllo e contrasto alla diffusione della malattia. La differenza tra i due virus, infatti, è stata riconosciuta anche a livello biomolecolare. Pur appartenendo allo stesso ceppo i due virus, infatti, presentano mutazioni differenti". "Quello fornito dall'Istituto di Teramo - prosegue l'Izs di Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta - è un dato incoraggiante nella lotta per l'eradicazione della malattia e dimostra la bontà dell'opera svolta dalla rete nazionale degli Istituti zooprofilattici sperimentali" (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Russia, altri 170 mila soldati. Dura offensiva russa nell'est dell'Ucraina

Centinaia di vittime a Gaza nei raid israeliani Missili da Hamas, Jihad e Hezbollah

Berlino, niente musica ai mercatini di Natale. Licenze troppo care