EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Aggredito da compagno di cella è grave, denuncia Sappe

Porcelli sconta una pena per associazione mafiosa a Bancali
Porcelli sconta una pena per associazione mafiosa a Bancali
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - SASSARI, 27 LUG - Permane alta la tensione nelle carceri della Sardegna secondo il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria (Sappe), che parla di una "notte di terrore" a Bancali (Sassari) per una lite tra due detenuti. "Con uno sgabello, un ristretto ha aggredito il suo compagno di cella mentre dormiva, fracassandogli la testa. Trasportato in codice rosso al pronto soccorso di Sassari, l'uomo è attualmente in fin di vita. Non sono note le ragioni di questo folle gesto, ma la situazione del carcere di Bancali è allarmante. Una situazione sempre critica ed allarmante", commenta Antonio Cannas, delegato nazionale per la Sardegna del Sappe. Per Donato Capece, segretario generale del Sindacato, "è necessario ripensare completamente la questione penitenziaria. Quanto accaduto nel carcere di Bancali deve necessariamente far riflettere per individuare soluzioni a breve ed evitare che la Polizia penitenziaria sia continuo bersaglio di situazioni di grave stress e grande disagio durante l'espletamento del proprio servizio. Non possono più essere ammissibili e tollerabili atteggiamenti prevaricatori, arroganti da parte di una utenza che ormai, è notorio a tutti, è sempre più spietata ed insofferente al regime penitenziario, sia adulto che minorile! La politica deve farsi carico di tale problema assumendo idonee iniziative legislative per risolvere quando prima tale questione". Il Sappe, che ha già annunciato una protesta in piazza a Roma a settembre, chiede "l'uso degli scudi protettivi e caschi come deterrenti e a protezione dei poliziotti penitenziari. Se il Capo del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria Carlo Renoldi non è in grado di trovare soluzioni alla gravissima situazione delle carceri italiane e alla tutela degli appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria deve avere la dignità di dimettersi", conclude il Sappe in una nota. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stati Uniti, al coro di Dem che chiede il ritiro di Biden si sarebbero aggiunti Obama e Pelosi

Israele: attacco con droni su Tel Aviv rivendicato dagli Houthi, un morto

Trump accetta la nomination repubblicana: il racconto dell'attentato e i rapporti con Orbán e Russia