This content is not available in your region

Borsellino: Maria Falcone, amarezza per sentenza depistaggio

Access to the comments Commenti
Di ANSA
"Ancora una volta negata verità piena su vicenda inquietante"
"Ancora una volta negata verità piena su vicenda inquietante"

(ANSA) – PALERMO, 13 LUG – “Premesso che tutte le sentenze
vanno rispettate e che, soprattutto in casi così complessi, è
fondamentale leggere le motivazioni, come sorella di Giovanni
Falcone e come cittadina italiana, provo una forte amarezza
perché ancora una volta ci è stata negata la verità piena su uno
dei fatti più inquietanti della storia della Repubblica”. Lo
dice Maria Falcone, sorella del giudice Giovanni Falcone, ucciso
dalla mafia a Capaci, in merito alla sentenza, di ieri, del
tribunale di Caltanissetta nel processo sul depistaggio delle
indagini sulla strage di Via D’Amelio. I magistrati hanno
dichiarato prescritte le accuse contestate a due dei tre
poliziotti imputati del depistaggio, mentre un terzo è stato
assolto. La prescrizione è stata determinata dal venir meno
dell’aggravante del favoreggiamento mafioso.
“La prescrizione è sempre una sconfitta per la giustizia che,
specie in processi tanto delicati, evidentemente non è riuscita
ad agire con la celerità che avrebbe dovuto avere”, ha aggiunto.
“Dal dispositivo, che asserisce l’esistenza del depistaggio e la
responsabilità di due dei tre imputati, emerge comunque – spiega
Maria Falcone – la conferma dell’impianto della Procura di
Caltanissetta che, con un lavoro coraggioso e scrupoloso, ha
fatto luce su anni di trame e inquinamenti investigativi”.
“Questa sentenza – conclude – arriva a una settimana dal
trentesimo anniversario della strage di Via D’Amelio che ancora
una volta vedrà i familiari di Paolo Borsellino, ai quali
esprimo tutta la mia vicinanza, in attesa della verità”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.