EventsEventiPodcast
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Migrantes, nuova Italia figlia dei giovani che la scelgono

Mons. Perego, 'costruire con loro una nuova democrazia'
Mons. Perego, 'costruire con loro una nuova democrazia'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 04 LUG - "Una nuova Italia non potrà che essere figlia della mobilità: giovani che scelgono l'Europa non solo per il lavoro, ma per scrivere una nuova storia familiare, una nuova partecipazione alla vita delle città, una democrazia da costruire e sperimentare": lo ha detto il Presidente della Commissione Cei per le Migrazioni e della Fondazione Migrantes, l'arcivescovo Gian Carlo Perego, concludendo i lavori del convegno "Italia, pensioni e mobilità: storie di partenze e di ritorni", organizzato dall'ente della Cei con l'Inps. "Il nostro paese vive un momento molto delicato e saranno decisivi i passi che saranno compiuti alla luce della dinamica demografica che ci sta condizionando sempre di più e della strutturalità della mobilità, in uscita e in entrata, che condiziona i nostri territori. Per questo diventa essenziale - ha sottolineato mons. Perego - l'analisi e la lettura di questo legame, rendendo ancora più marcata e ufficiale la collaborazione tra l'Inps e la Fondazione Migrantes attraverso una ricerca nazionale che viene annunciata oggi, aprendosi anche ad altre eventuali realtà nazionali ed estere. L'obiettivo è far emergere quanto il contributo dato, ieri come oggi, dalle lavoratrici e dai lavoratori italiani all'estero e dalle attuali pensionate e pensionati rientrati in Italia sia da sempre ricchezza fondamentale in alcune aree del nostro paese, a maggior ragione nel quadro socio-demografico di cui si è parlato. Così come ricchezza inestimabile è il lavoro oggi di cittadini di altre nazionalità che diventano o potrebbero diventare italiani in futuro, restando in Italia o ritornando nei loro luoghi di origine".; (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"All eyes on Rafah", in milioni condividono l'immagine AI sui social dopo le stragi alle tendopoli

Elezioni europee: Euronews intervista Anders Vistisen, spitzenkandidat di Identità e Democrazia

Le notizie del giorno | 29 maggio - Serale