EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Il Papa contro le fake news, la disinformazione è quotidiana

'Redimere la comunicazione, troppo spazio agli scandali'
'Redimere la comunicazione, troppo spazio agli scandali'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CITTÀ DEL VATICANO, 18 GIU - L'informazione deve essere pulita, onesta, completa. E' quanto auspica Papa Francesco che oggi è tornato a stigmatizzare il mondo delle fake news. Lo ha fatto in un incontro con i Paolini, religiosi che hanno come carisma quello appunto della comunicazione. "Se noi prendiamo i mezzi di comunicazione di oggi - ha detto Bergoglio - manca pulizia, manca onestà, manca completezza. La dis-informazione è all'ordine del giorno: si dice una cosa ma se ne nascondono tante altre". Il Pontefice auspica invece una comunicazione "nitida, chiara" e nel caso dei religiosi editori di tanti periodici, tra i quali anche Famiglia Cristiana, "testimoniata con la propria vita". Francesco, che pure in varie occasioni ha dimostrato stima e rispetto per il mondo del giornalismo, ha sottolineato la necessità di "redimere la comunicazione dallo stato in cui è oggi, nelle mani di tutto un mondo di comunicazione che o dice la metà, o una parte calunnia l'altra, o una parte diffama l'altra, o una parte sul vassoio offre degli scandali perché alla gente piace mangiare scandali, cioè mangiare sporcizia. Non è vero? È così". Se segue questi schemi la comunicazione "diventa un pasto indigesto, sporco, non pulito". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Repubblica Democratica del Congo, il portavoce dell'esercito: "Sventato un tentativo di golpe"

Iran: nessuna notizia del presidente Raisi dopo incidente all’elicottero su cui viaggiava

Guerra in Ucraina: entrata in vigore la legge sulla mobilitazione, cosa prevede