This content is not available in your region

Omicidio in rissa, movente fu droga pagata con soldi falsi

Access to the comments Commenti
Di ANSA
In cella anche i 2 capi dei gruppi, chiamarono gli altri armati
In cella anche i 2 capi dei gruppi, chiamarono gli altri armati

(ANSA) – MILANO, 15 GIU – L’acquisto di 100-150 grammi di
hashish per un corrispettivo di 800 euro pagato con banconote
false è il motivo della maxi rissa tra due gruppi di giovani tra
i 17 e i 24 anni di Vimercate e di Pessano con Bornago, comuni
del Milanese, finita con la morte di uno di loro, e che oggi ha
portato a eseguire 21 arresti, di cui 8 in carcere, due
collocamenti in comunità, e un obbligo di permanenza in casa. A ricostruire il movente è stato il gip di Milano Luca
Milani nel provvedimento con cui ha accolto la richiesta del pm
Antonio Cristillo che riguarda i ragazzi maggiorenni, 19 in
tutto (altri 5 sono minorenni) accusati a vario titolo di
concorso in omicidio, rissa aggravata, lesioni personali,
detenzione illecita di sostanza stupefacente, tentata estorsione
in concorso e porto di armi od oggetti atti ad offendere. Tra
questi in prima linea Davide Colombi e Youssef Mahmoud Elsayed
Ali Mahmoud Elgendi: i due, ora in cella, avrebbero ‘chiamato a
raccolta’ i componenti del rispettivo gruppo sollecitandoli a
presentarsi la sera del 29 settembre 2021 al parco Giramondo di
Pessano, armati di bastoni, armi da taglio, mazze, pietre e
bottiglie di vetro per affrontarsi in uno “scontro violento” nel
quale è stato ucciso Simone Stucchi, allora 24enne. Tra le due
fazioni, emerge dall’ordinanza, c’erano da tempo rapporti
“tesi”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.