EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Pride: migliaia a Genova, tanti giovani e molte famiglie

Critiche per ritardo vigili. 'Carri allestiti tra auto e bus'
Critiche per ritardo vigili. 'Carri allestiti tra auto e bus'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - GENOVA, 11 GIU - Migliaia di persone, tantissimi giovani e ragazzi, sono in piazza a Genova per il Pride 2022, con il corteo aperto dal carro intitolato "offensivi e divisivi", i colori dell'arcobaleno, abiti sgargianti, make up e acconciature da notare, tanti striscioni, cartelli - "we are all a little bit gay" -, cori e tanta musica. Dopo due anni di assenza a causa della pandemia (nel 2020 nessun evento, nel 2021 solo un presidio) è un successo la grande parata organizzata per il Liguria Pride. In piazza con tanti giovanissimi anche genitori e famiglie con bambini. "Puntiamo a 30mila partecipanti" hanno annunciato gli organizzatori già contenti per la partecipazione al Pride Village allestito ai giardini Luzzati in questi ultimi giorni, tra bancarelle, concerti, convegni e dibattiti. Il corteo è partito da via San Benedetto e dopo un lungo tragitto conclude la giornata in piazza De Ferrari. Prima della partenza gli organizzatori aprono una polemica con la polizia locale. "Va bene non avere il patrocinio, ma almeno la gestione della sicurezza e della viabilità - accusano Laura Guidetti e Ilaria Gibelli - i vigili sono arrivati con mezzora di ritardo e abbiamo dovuto allestire tra le auto e i bus che passavano". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Putin a colloquio con Kim Jong-un in Corea del Nord, verso la firma dell'accordo per il partenariato

Le notizie del giorno | 18 giugno - Serale

Gli europei di calcio non faranno uscire l'economia tedesca da anni di stagnazione