Inchiesta Gdf, 'centinaia braccianti sfruttati in Maremma'

Indagine Gdf Firenze e Mugello colpisce fruitore terminale giro
Indagine Gdf Firenze e Mugello colpisce fruitore terminale giro
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PIOMBINO (LIVORNO), 04 MAG - Tre aziende agricole della Costa degli Etruschi, in Maremma, tra Livorno e Grosseto avrebbero impiegato centinaia di lavoratori, italiani e stranieri, in 'nero', per 15/16 ore di media al giorno a fronte di una paga di 2,5 euro l'ora, con ferie difficilmente concesse e non retribuite, e con minacce di licenziamento e aggressioni verbali. Queste "le opprimenti condizioni di lavoro, cui sarebbero stati sottoposti braccianti agricoli", emerse da un'inchiesta della Guardia di finanza. Intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro i reati per i quali i 3 responsabili delle aziende, spiega la Gdf in una nota, sono stati deferiti. L'inchiesta, condotta dalle fiamme gialle di Piombino e coordinata dalla procura livornese, è iniziata nel luglio 2019. I tre imprenditori, spiega sempre la Gdf, ricevuti gli avvisi di garanzia, "hanno immediatamente proceduto al pagamento delle sanzioni amministrative nel frattempo già contestate da Gdf e Inps, versando nelle casse dell'Erario circa 5.800.000 euro": gli indagati si sarebbero resi responsabili "delle violazioni amministrative in materia di lavoro riferibili a 854 rapporti di impiego, con l'applicazione di 571 distinte maxi sanzioni per lavoratori completamente 'in nero' nonché di ulteriori 283 sanzioni per infedeli registrazioni sul Libro unico del lavoro". I tre titolari delle aziende, oltre a impiegare senza "contratto né copertura previdenziale e assicurativa" i braccianti, avrebbero inoltre "costretto diversi lavoratori, per lo più stranieri, a vivere in affitto in un casolare abusivo sugli stessi terreni delle aziende agricole, in condizioni igienico-sanitarie precarie", senza riscaldamento e allaccio alla rete idrica e senza acqua potabile, con il costo dell'affitto decurtato dalla paga. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: Zelensky vola a Ryad e Tirana per discutere della formula di pace

Gaza: Egitto, Giordania, Uae, Qatar e Francia lanciano per via aerea tonnellate di aiuti

Dalle Baleari a Bacoli, il messaggio in bottiglia percorre 2000 miglia