This content is not available in your region

Covid: A Bologna una giornata per ricordare le 3.700 vittime

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Domenica 13, in piazza Maggiore, verranno letti i nomi
Domenica 13, in piazza Maggiore, verranno letti i nomi

(ANSA) – BOLOGNA, 07 MAR – Da Alda, del 1914, a Mahmoud, nato
nel 2019. Ricordare il dolore delle persone oltre i dati sulla
pandemia. È l’obiettivo dell’iniziativa – presentata questa
mattina a palazzo D’Accursio e patrocinata da Comune di Bologna,
Ausl, ordini dei medici, ostetriche, infermieri e coordinata
dalla Croce Rossa italiana e da Cefa onlus – che si terrà
domenica 13 marzo dalle 10 a mezzanotte in piazza Maggiore, a
Bologna, in occasione della giornata nazionale in memorie delle
vittime del Covid-19, fissata per il 18 marzo dalla legge 35 del
2021. Per commemorare le 3.700 vittime della provincia di Bologna
saranno esposti i nomi e l’anno di nascita su targhe di
alluminio, posizionate sul ‘Crescentone’ con delle candele a
led. “Non dobbiamo inaridirci, ma vivere il dolore per quello
che è – ha detto Massimo Bugani, assessore bolognese ai rapporti
con il Consiglio comunale – perché solo commuovendoci possiamo
volgere verso una rinascita”. Durante la giornata, alla quale parteciperanno gli operatori
sanitari, il sindaco, Matteo Lepore, e gli esponenti delle
comunità religiose, verranno letti i nomi delle vittime
intervallati da preghiere e riflessioni. “Dietro queste 3.700
storie di dolore ci sono la sofferenza dei parenti e degli
amici, ma c‘è anche la vicinanza del mondo degli operatori
sanitari che da due anni si sono battuti senza sosta – ha
aggiunto Paolo Bordon, direttore generale della Ausl di Bologna
- è giusto celebrare un dolore collettivo e la memoria di
persone che sono state più sfortunate”. Infine, come annunciato da Giovanni Beccari, coordinatore
dell’iniziativa per Cefa, l’idea in futuro è dedicare un
monumento in città alle vittime. “Così da poter fare memoria per
sempre – ha spiegato – ci piacerebbe allestirlo nei giardini che
si trovano attorno agli ospedali per ricordare la fatica profusa
nella logica di salvare delle vite”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.