EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Ucraina: aiuti per la popolazione, al via #coopforucraina

L'obiettivo è 1 mln di euro per Unhcr, Sant'Egidio e Msf
L'obiettivo è 1 mln di euro per Unhcr, Sant'Egidio e Msf
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 04 MAR - Per portare un aiuto immediato alle famiglie ucraine in fuga dalla guerra, parte #coopforucraina, la campagna di raccolta fondi promossa da Coop . La campagna di Coop sostiene l'Agenzia Onu per i Rifugiati-Unhcr, la Comunità di Sant'Egidio e Medici Senza Frontiere, da anni presenti sul territorio ucraino. La campagna viene avviata oggi e si pone l'obiettivo di superare 1 milione di euro. Si può donare alle casse degli oltre 1100 punti vendita Coop o utilizzare la piattaforma eppela.com/coopforucraina o il conto corrente dedicato (IBAN - IT 36 H 02008 05364 000106357816). L'obiettivo è fornire assistenza sanitaria, kit di primo soccorso, cibo, vestiti e accoglienza al confine con l'Ucraina."Non possiamo rimanere a guardare; i nostri stessi soci, da sempre solidali e attenti cittadini del mondo ci stanno chiedendo di aiutarli ad aiutare la popolazione ucraina. È la realtà di questa guerra drammatica che ci spinge ad agire -spiega Marco Pedroni Presidente Coop Italia e Ancc-Coop (Associazione Nazionale Cooperative di Consumatori) - L'impegno per la pace e per la solidarietà da sempre sono nel dna di Coop; abbiamo deciso un primo stanziamento che avvii gli aiuti, e poi vogliamo permettere ai soci e ai clienti di contribuire a loro volta". Per Chiara Cardoletti, Rappresentante Unhcr per l'Italia, la Santa Sede e San Marino "in questo momento è essenziale l'aiuto di tutti: per questo vogliamo ringraziare COOP". Per Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant'Egidio "sono più importanti che mai gli aiuti per fronteggiare l'emergenza, come la campagna di #coopforucraina". "Medici Senza Frontiere sta supportando a Kiev medici di diversi ospedali e centri sanitari. La sfida più grande oggi è l'individuazione di punti di accesso alle regioni dell'Ucraina più colpite dai combattimenti" afferma Stefano Di Carlo, direttore generale di MSF. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa: si dimette il capo del Secret Service, Biden "a breve nominerò nuovo direttore servizi segreti"

Le notizie del giorno | 23 luglio - Serale

Cina media un accordo interno tra fazioni palestinesi per la gestione postbellica di Gaza