Cassazione: giovane trovata impiccata, confermato ergastolo

Omicidio nel Catanese, inchiesta era stata aperta come suicidio
Omicidio nel Catanese, inchiesta era stata aperta come suicidio
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CATANIA, 28 GEN - E' definitiva la condanna all'ergastolo di Nicola Mancuso, 36 anni, per l'omicidio della 19enne Valentina Salamone, trovata morta il 24 luglio del 2010 in una villetta di Adrano. La prima sezione penale della Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso dell'imputato che, il 19 aprile del 2021, era stato condannato dalla Corte d'assise di Catania. Nel processo si erano costituiti parte civile i genitori, le tre sorelle e il fratello della vittima, assistiti dall'avvocato Dario Pastore, e le associazioni Telefono rosa e Thamaia. Il legale della famiglia e il padre della vittima hanno assistito alla lettura della sentenza e si sono abbracciati in lacrime. Il Procuratore generale aveva chiesto di dichiarare inammissibile il ricorso. Per la morte di Valentina Salamone in un primo momento era stata chiesta l'archiviazione, ritenendolo un suicidio, ma la Procura generale di Catania aveva avocato a sé l'inchiesta dopo le perizie dei carabinieri del Ris che ritennero di avere trovato tracce di sangue dell'uomo sotto le scarpe della giovane. Mancuso, che si è sempre proclamato innocente, è sposato ed aveva avuto una relazione con la vittima. L'uomo fu arrestato il 4 marzo del 2013 e scarcerato il 28 ottobre successivo dal Tribunale del riesame. Attualmente è detenuto per scontare condanna definitiva a 14 anni di reclusione per traffico di droga, nell'ambito di indagini della squadra mobile di Catania, e per l'omicidio di Valentina Salamone. "Dopo dodici anni - ha commentato l'avvocato Dario Pastore - finalmente la parola fine a questo processo, con una sentenza che rende giustizia alla verità. Adesso bisogna identificare l'uomo a cui appartiene il secondo Dna trovato sul luogo del delitto: c'è un assassino che gira ancora libero". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 17 aprile - Pomeridiane

Crisi climatica: Dubai inondata da 142 mm di pioggia, 20 morti in Oman

Capri dimentica il glamour: inizia il G7 e l'isola si blinda