This content is not available in your region

La Spagna cambia approccio sul Covid

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
La Spagna cambia approccio sul Covid
Diritti d'autore  Alvaro Barrientos/Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved

Madrid cambia verso alla sua strategia di lo tta alla pandemia da covid-19, puntando ad attenuare, se non a cancellare rapidamente, le restrizioni finora imposte. Per il ministro della Salute, entro la fine di gennaio si può pensare di ritirare l'obbligo di sottoporsi a test, andando progressivamente verso uno scenario che assuma il coronavirus come endemico.

Per Jeffrey Lazarus, dell'Istituto per la Salute globale di Barcellona, il cambio è più nell'approccio politico che in quello della salute pubblica. "Dopo ogni ondata arrivano nuove possibili svolte, ora è il turno di questa di smettere di fare i test".

Dall'OMS arriva un invito alla prudenza: nonostante siano state somministrate globalmente finora dieci miliardi di dosi di vaccino, restano enormi lacune.

"I governi pensano alle prossime elezioni ma devono anche attuare politiche di salute pubblica. Le restizioni possono essere ridotte quando i casi diminuiscono, e possono tornare a venire accresciute se ad esempio, aumentano i ricoveri, se esplode una nuova variante, o se si scopre la necessità di un richiamo ulteriore".

Il possibile nuovo approccio spagnolo non registra incoraggiamenti da parte di Germania e Francia, dove la diffusione del vaccino resta sotto gli obiettivi. In Spagna, invece, più del 90 per cento delal popolazione con più di 11 anni è stata completamente vaccinata, mentre l'85 per cento degli ultrasessantenni ha ricevuto una dose di richiamo. Il paese ha anche visto il tasso di mortalità scendere all'uno per cento. Al culmine della prima ondata, quando la Spagna contava 100 morti al giorno, era al 13 per cento.