EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Reddito:incassava sussidio ma era ai domiciliari, denunciato

Altri 15 "furbetti" scoperti dai carabinieri nel Cosentino
Altri 15 "furbetti" scoperti dai carabinieri nel Cosentino
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - RENDE, 05 NOV - Era detenuto ai domiciliari ma, da mesi, godeva del reddito di cittadinanza. Un 43enne è stato scoperto e denunciato dai carabinieri della Compagnia di Rende con l'accusa di truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche, omessa comunicazione di informazioni rilevanti ai fini della revoca del reddito di cittadinanza e false dichiarazioni. I militari, nel corso di verifiche ed accertamenti sviluppati anche tramite gli uffici dell'Inps e mediante incroci di dati disponibili, hanno rilevato che l'uomo aveva omesso di comunicare di essere sottoposto a misura cautelare continuando a percepire indebitamente il sussidio grazie a false informazioni comunicate all'Inps. La normativa di legge prevede, infatti, l'obbligo per i richiedenti, al momento della presentazione della documentazione, di comunicare l'eventuale presenza di cause impeditive come le misure cautelari coercitive personali o variazioni della condizione economica che modificano i presupposti necessari per la concessione del beneficio. Inoltre il 43enne, che dovrà restituire una somma pari a circa 10.500 euro, per eludere i controlli, aveva anche dichiarato residenze fittizie. In questo stesso ambito, a Torano Castello, sempre nel cosentino, sono stati denunciati 15 cittadini provenienti da Nigeria e Sri Lanka, tutti di età compresa tra i 21 e i 35 anni, che percepivano indebitamente il reddito da circa due anni. La scoperta è stata fatta in seguito ad un'indagine svolta in collaborazione con i militari dell'Ispettorato del lavoro di Cosenza per verificare l'attendibilità delle dichiarazioni che i soggetti avevano rilasciato per ottenere il sostegno economico italiano introdotto come misura di contrasto alla povertà. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra a Gaza: tensione tra Israele e Hezbollah, Cuba si unisce alla causa del Sudafrica

Enrico Letta potrebbe essere l'asso nella manica di Macron nel gioco dei vertici dell'Ue contro l'estrema destra

Svizzera: in carcere per sfruttamento i membri della famiglia miliardaria Hinduja