ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Spagna, lo stallo nel CSM e l'ira di Bruxelles

Access to the comments Commenti
Di Ana LAZARO  & Alberto de Filippis
euronews_icons_loading
Images
Images   -   Diritti d'autore  Afptv
Dimensioni di testo Aa Aa

La Commissione europea ha avvertito la Spagna a proposito dei rischi circa l'attuale situazione di stallo con le nomine giudiziarie ai massimi livelli. Da oltre tre anni il rinnovo del CSM, che nomina i magistrati, è bloccato a causa di un contenzioso politico tra governo e opposizione.

Il commissario Ue alla giustizia sottolinea l'urgenza di rinnovare gli organi di governo dei giudici. Così Didier Reynders: "Siamo preoccupati per la situazione che abbiamo visto in Spagna, come in altri Stati membri: quando c'è un blocco e quando c'è un consiglio provvisorio della Magistratura e non dà un segnale chiaro sulla riforma, è difficile mantenere la fiducia di tutti i cittadini nel sistema... È molto importante continuare il confronto e cercare di organizzare al meglio il rinnovo del Consiglio".

I rappresentanti delle principali associazioni di giudici spagnoli hanno incontrato il commissario per la giustizia. Gli hanno chiesto di mediare nel conflitto. Nessuno mette in dubbio la necessità di rinnovare il sistema per porre fine a questa politicizzazione, poiché la questione deve essere risolta nel parlamento spagnolo... ma non c'è accordo su quando e come.

Nonostante non si parli ancora di sanzioni, la questione è emersa durante l'incontro.

Fernando de la Fuente, Giudice, Giudici per la Democrazia: "Non ha parlato solo di conseguenze, sebbene siano emerse nella conversazione. Ci ha spiegato che nell'ambito dei fondi di recupero ci sono standard che devono essere rispettati. Quindi, se non c'è soluzione, si potrebbe arrivare al momento in cui la Commissione prende provvedimenti contro la Spagna perché sta danneggiando il servizio pubblico".

La situazione sta influenzando sia la credibilità del sistema giudiziario spagnolo che il suo funzionamento.

Ma né il commissario europeo né i giudici spagnoli ritengono che la situazione sia paragonabile a quella di Polonia e Ungheria.

Anche se la situazione, avvertono, non dovrebbe essere prolungata....