Rave party a Carrara, 62 denunciati e sequestro attrezzature

Polizia blocca strada accesso e sgombera l'area della festa
Polizia blocca strada accesso e sgombera l'area della festa
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CARRARA (MASSA CARRARA), 06 SET - Rave party scoperto ieri mattina e bloccato dalla polizia nella frazione di Castelpoggio di Carrara (Massa Carrara): una settantina le persone identificate, 62 i denunciati secondo quanto si spiega dalla questura di Massa Carrara. Sequestrate le attrezzature musicale e sgomberata l'area del rave. Secondo quanto si spiega dalla polizia, nell'ambito di servizi di vigilanza proprio riguardo all'organizzazione di rave party, ieri mattina personale del commissariato di Carrara è intervenuto a Castelpoggio dove erano presenti "camper, veicoli e musica ad alto volume". Gli agenti hanno "immediatamente" provveduto a chiudere l'unica strada di accesso "per impedire l'arrivo di altri soggetti all'evento in corso, procedendo all'identificazione di tutti i partecipanti, circa 70 persone, parte della zona e parte provenienti da altre province italiane. Poco dopo, veniva dislocato altro personale della polizia di Stato, per espletare tutte le conseguenti attività, che consentivano di individuare i promotori dell'evento ed i proprietari degli strumenti di amplificazione, materiale sottoposto a sequestro penale e amministrativo. Tutti i presenti, promotori e partecipanti, sono stati denunciati" per invasione di terreni ed edifici, disturbo della quiete pubblica e sanzionati amministrativamente per l'effettuazione di spettacolo musicale non autorizzato. "L'area è stata sgomberata facendo allontanare i giovani presenti a piccoli gruppi, mentre veniva contestualmente mantenuto il presidio con pattuglie delle forze dell'ordine lungo la via di accesso alla zona boschiva, per impedire l'accesso di altri giovani, chiamati a raccolta attraverso appelli veicolati sui canali social. Un analogo servizio è stato istituito nei pressi del casello autostradale della città di Carrara fino alle prime ore di questa mattina". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, attacco russo a Dnipro: 8 morti, primo sì da Camera Usa per aiuti a Kiev, Israele e Taiwan

Svezia, il futuro del clima e dell'energia rinnovabile passa dalle turbine eoliche in legno

Medio Oriente, la comunità internazionale e il G7 chiedono moderazione a Israele e all'Iran