ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Afghanistan: flash mob a Nuoro per diritti donne e Lgbtqa+

Access to the comments Commenti
Di ANSA
"L'Occidente non può abbandonare le persone fragili e i bambini"
"L'Occidente non può abbandonare le persone fragili e i bambini"
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – NUORO, 26 AGO – Una delegazione del Coordinamento
Intersezionale Sardegna, ha dato vita stamattina a un flash mob
davanti alla Prefettura di Nuoro, per chiedere al Governo di
aiutare la popolazione più fragile dell’Afghanistan: le donne e
le persone Lgbtqa+, queste ultime condannate alla pena di morte
secondo i dettami della Sharia. La delegazione si è schierata
davanti al Palazzo del Governo in un momento di raccoglimento
silenzioso, con i cartelli in mano dai colori dell’arcobaleno,
prima di essere ricevuta dal Prefetto Luca Rotondi. “Abbiamo
deciso di dare vita a questo flash mob per dare voce alle donne
e alle persone Lgbtqa+ afghane. Vogliamo rivendicare con loro e
per loro il diritto all’autodeterminazione – ha detto Lisetta
Bidoni che insieme a Bruna Biondo, Giovanna Casagrande, Giulia
Carta e Rossella Fadda anima il Coordinamento – Al Prefetto
Luca Rotondi abbiamo chiesto che l’attenzione del Governo si
concentri su questa popolazione costretta alla fuga o obbligata
a vivere in Afghanistan con i diritti violati: per donne niente
lavoro o studio, non possono uscire se non accompagnate dai loro
uomini, devono coprirsi con il burqa. Per le persone Lgbtqa+ la
situazione è ancora più drammatica – aggiunge – ricordiamo che
la Sharia nella sua applicazione più integralista prevede la
pena di morte per le persone dello stesso genere che intrecciano
relazioni. Non possiamo chiudere gli occhi e abbandonare a se
stesse queste persone e chiediamo l’intervento del Governo
italiano in loro favore”.
“Noi persone Lgbtqa+ che già subiamo discriminazioni in Italia,
il Ddl Zan è lì a dimostrare quanta resistenza vi è su questo
argomento, in Afghanistan veniamo perseguitate a andiamo a
morire – conclude – L’Occidente non può abbandonare queste
persone e tutte le altre persone fragili come le donne e i
bambini. Ricordiamo lo sterminio del popolo curdo in Turchia, in
Siria in Iraq e ora in Afghanistan. L’Occidente deve impedire
questa tragedia”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.