ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Torna dal vivo il film festival di Sarajevo e premia Wim Wenders

euronews_icons_loading
Wim Wenders
Wim Wenders   -   Diritti d'autore  Axel Schmidt /AP
Di Eloisa Covelli Agenzie:  Afp
Dimensioni di testo Aa Aa

C'eravamo quasi scordati com'era un film festival dal vivo. Questo di Sarajevo è tornato dopo l'edizione virtuale dello scorso anno. E ha deciso di premiare il regista tedesco Wim Wenders per il suo straordinario contributo al cinema. E felice come un bambino è andato a ritirare il premio indossando la stessa maglietta di 10 anni fa, quando era andato a presentare il documentario sulla ballerina tedesca Pina Bausch.

"Ora me ne vado con un cuore vero. (Tornerò) nel 2031", ha scherzato Wenders, che ha compiuto 76 anni.

Mi sembra la realizzazione di un sogno. Non sono uscito per 18 mesi. Non ho visto un film con altre persone per 18 mesi. Siamo così fortunati stasera, non ci posso credere. Il premio ha la forma di un cuore. Ed è così che faccio i film, col cuore, quindi questo premio è davvero speciale per me.
Wim Wenders

"Siamo molto felici di poter rendere omaggio a una delle figure centrali della cinematografia mondiale", ha detto il direttore del festival Mirsad Purivatra consegnando il premio.

"Con il suo lavoro nel campo dell'arte visiva, come straordinario autore cinematografico... Wim Wenders ha sempre offerto al pubblico storie ed emozioni indimenticabili", ha aggiunto.

Il festival di Sarajevo, nato come "atto di resistenza" durante l'assedio della città negli anni 90 ha spesso attirato star del cinema mondiale: Robert De Niro, Angelina Jolie, Brad Pitt... e recentemente Isabelle Huppert, Alejandro Gonzalez Inarritu e Gael Garcia Bernal. Quest'anno ha previsto proiezioni anche nella città di Mostar fino al 20 agosto.