EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Gkn: circa 2.000 a manifestazione di Firenze con licenziati

Corteo nelle strade di Firenze aperto dalle bandiere dell'Anpi
Corteo nelle strade di Firenze aperto dalle bandiere dell'Anpi
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - FIRENZE, 11 AGO - Quasi 2.000 persone si sono radunate stasera in piazza della Signoria a Firenze per la manifestazione indetta dall'assemblea dei lavoratori della fabbrica Gkn di Campi Bisenzio insieme ad Anpi Firenze. "Abbiamo scelto una data storica, quella della Liberazione, l'11 agosto - ha detto Dario Salvetti, membro della Rsu - perché non è un atto singolo, ma un processo che deve prendere nuove forme. Noi vinciamo se siamo tutti in questa lotta". Prima dell'avvio del corteo i manifestanti, che chiedono il ritiro della procedura di licenziamento per i 422 lavoratori della fabbrica, sono stati salutati dal sindaco di Firenze Dario Nardella, con tutta la giunta. Presenti all'iniziativa, tra gli altri, anche il sindaco di Campi Bisenzio Emiliano Fossi, e Adelmo Cervi, figlio di Aldo Cervi, uno dei sette fratelli uccisi dai nazifascisti nel 1943, il quale ha voluto dare la sua solidarietà personale ai licenziati dalla Gkn. "Torniamo a chiedere al presidente del Consiglio Draghi con la sua autorevolezza di prendere in mano la situazione Gkn, perché per le sue caratteristiche può rappresentare un precedente grave e pericoloso", ha detto il sindaco Dario Nardella, stasera alla manifestazione. "Le lavoratrici e lavoratori protestano con giuste ragioni - ha affermato - per un licenziamento incomprensibile e inaccettabile. Non possiamo che sposare questa causa chiedendo al governo il massimo impegno per interrompere la procedura di licenziamento". Un corteo, con striscioni e bandiere, è partito da piazza della Signoria ha sfilato nelle vie del centro e sui lungarni accompagnato dal ritmo di tamburi. I manifestanti hanno intonato la canzone 'Occupiamola', diventata l'inno contro i licenziamenti e la chiusura della fabbrica, poi è risuonato 'Bella Ciao'. In testa al corteo le bandiere dell'Anpi seguite da grandi striscioni a due aste con il motto "Insorgiamo". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Yemen: attacco di Israele contro Hodeida, morti e feriti nella città controllata dagli Houthi

Guerra a Gaza: decine di morti nel campo di Nuseirat, la Nuova Zelanda contro Israele

Pakistan: tre morti e venti feriti in un attacco durante una marcia per la pace