Mottarone: Tadini non ha pace, cavo non doveva spezzarsi

Capo servizio impianto, finalmente accertamenti su rottura fune
Capo servizio impianto, finalmente accertamenti su rottura fune
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 21 LUG - "Quel cavo non si doveva spezzare, è inconcepibile. Non riesco a darmi pace". Sono le parole di Gabriele Tadini, capo servizio della funivia e l'unico ad essere ai domiciliari per la tragedia del Mottarone in cui lo scorso 23 maggio sono morte 14 persone e solo un bimbo è sopravvissuto. Tadini, attraverso il suo difensore, Marcello Perillo, ha chiesto e ottenuto l'incidente probatorio che prenderà il via domani per accertare le cause della sciagura. "Finalmente - ha detto al suo legale - cominciamo a fare accertamenti sulla fune. E' una questione che non mi fa dormire: al di là dei forchettoni inseriti non si doveva rompere". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Orban apre la campagna elettorale di Fidesz: "In Ucraina Bruxelles gioca col fuoco"

Iran-Israele, il conflitto è diretto: il pericolo di missili, raid e arsenali nucleari

New York, uomo si dà fuoco davanti al tribunale del processo a Donald Trump