ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Festival di Cannes: 17 film sostenuti dall'Unione europea

euronews_icons_loading
Festival di Cannes: 17 film sostenuti dall'Unione europea
Diritti d'autore  Euronews
Di Frédéric Ponsard  & redazione italiana
Dimensioni di testo Aa Aa

Ben 17 film al Festival di Cannes, cinque dei quali in lizza per la Palma d'oro, sono stati sostenuti dalla Commissione europea attraverso il programma MEDIA di Creative Media.

Dietro il tappeto rosso del Palais des Festivals c'è il Film Market, la "parte sommersa" dell'iceberg di Cannes. I professionisti hanno accesso all'International Village, che include i padiglioni nazionali e la sezione audiovisiva dell'Unione Europea, Creative Europe - MEDIA, che ogni anno finanzia numerose coproduzioni europee. Il nostro giornalista Frédéric Ponsard ha incontrato una delle responsabili del programma, Margaux Lacoste.

"Siamo davvero felici di essere qui quest'anno, in particolare per due motivi - ha spiegato Lacoste - perché era davvero importante per Creative Europe esser presente dopo la pandemia. E anche perché stiamo lanciando il nuovo programma con un nuovo budget per il 2021-2027. Più di 100 professionisti si trovano nello stand per discutere, fare rete e lavorare su progetti futuri".

I film cofinanziati da Creative Europe sono numerosi sulla Croisette nelle diverse sezioni del festival.

Tra i protagonisti c’è Compartment No. 6 di Juho Kuosmanen in concorso per la Palma d'oro. Racconta la vicenda di una giovane donna finlandese che sfugge a una storia d'amore a Mosca salendo su un treno per il porto artico di Murmansk.

"Siamo davvero orgogliosi di avere 17 film a Cannes quest'anno, film che arrivano da tutta Europa e sono stati supportati in fase di sviluppo o in fase di distribuzione - ha aggiunto Lacoste -. Questi film sono tutte coproduzioni europee, per esempio, Storia di mia moglie del regista ungherese Ildiko' Enyedi, Tre Piani, l'ultimo film di Nanni Moretti, e cinque candidati alla Palma d'oro".

Ci sono anche Bergman Island di Mia Hansen-LUV e Titane, il secondo film barocco della giovane regista francese Julia Ducournau che, a metà tra un thriller e un film horror, racconta la storia di un padre che ritrova suo figlio dopo una serie di omicidi inspiegabili. Il Festival si concluderà sabato 17 luglio.