ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Sequestrate 253 piante Peyote nelle Marche, un arresto

Di ANSA
'Operazione Sciamano' a S. Benedetto del Tronto dei Carabinieri
'Operazione Sciamano' a S. Benedetto del Tronto dei Carabinieri
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – ANCONA, 09 LUG – Oltre 250 cactus Peyote, che
crescono nelle zone desertiche del Messico, famosi per le loro
capacità psicotrope dovute al contenuto di mascalina, alcaloide
psichedelico utilizzato nei riti sciamanici dai nativi
americani, poi molto diffusa negli anni ‘70, sono state
sequestrate dai militari del Raggruppamento Carabinieri Cites di
Roma – Reparto Operativo, insieme ai colleghi dei Nuclei Cites
di Fermo ed Ancona e delle Stazioni carabinieri forestali di
Fermo ed Ancona. Arrestato un 42enne incensurato di San
Benedetto del Tronto. per detenzione e coltivazione di piante
considerate sostanze stupefacenti dalla normativa nazionale. I
cactus di genere Lophophora, 253 in tutto, erano occultati in
una serra nelle pertinenze dell’abitazione dell’arrestato.
Nell’operazione ‘Sciamano’ sono stati sequestrati anche altri 53
esemplari di cactus in via di estinzione, tutelati dalla
Convenzione di Washington (Cites), detenuti illegalmente senza
alcuna documentazione relativa all’origine e anche 4 testuggini
terrestri, anche queste prive di documentazione sulla regolare
detenzione. Al sambenedettese è stato contestato quindi anche il
reato previsto dalla normativa Cites sanzionabile fino a 200mila
euro di ammenda o un anno di arresto. Per il riconoscimento
delle piante tutelate i militari si sono avvalsi della
consulenza di uno dei massimi esperti di cactus e piante
succulente in Italia. In corso le indagini per accertare la mole
del traffico realizzato dal 42enne, inizialmente posto agli
arresti domiciliari su disposizione della Procura della
Repubblica di Ascoli Piceno. L’arresto è stato convalidato dal
gip di Ascoli Piceno, che dopo l’interrogatorio e in relazione
al fatto che l’uomo è incensurato ha deciso di liberarlo.
(ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.