ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Stato dell'Unione, le notizie della settimana

Di Euronews
euronews_icons_loading
Stato dell'Unione, le notizie della settimana
Diritti d'autore  JURE MAKOVEC/AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Questa settimana moltissimi avvenimenti degni di nota. Innazitutto il Portogallo ha passato il testimone alla Slovenia, che ora manterrà la presidenza di turno dell'UE per i prossimi sei mesi.

Lisbona ha qualche consiglio per Lubiana che ora dovrà occuparsi della ripresa economica e delle transizioni green e digitale?

Così António Costa, Primo Ministro del Portogallo: "Non diamo consigli. Ho solo regalato al mio collega, Janez Jansa, Primo Ministro della Slovenia, una bussola, una replica delle bussole utilizzate dai navigatori portoghesi. Uno strumento di navigazione sempre utile".

La Slovenia promette di dare priorità allo stato di diritto……. Ma la domanda è: metteranno in pratica ciò che predicano?

Questa settimana, una manciata di eurodeputati ha inviato una lettera alla Commissione Europea chiedendo loro di sospendere i fondi UE alla Slovenia per aver rifiutato di nominare un candidato alla nuova procura europea. Temono che i valori europei siano sotto pressione nel paese e affermano che i media e la magistratura vengono "ostacolati". Il tempo lo dirà.

Per il momento, però, la Slovenia si permette di brillare. Questa settimana ha accolto nella bella Lubiana i Commissari europei, i giornalisti e gli eurodeputati.

Per molti è stata la prima volta che hanno potuto utilizzare il loro certificato di viaggio digitale covid19, entrato in vigore giovedì 1 luglio.

Un uomo che è un grande fan di questo certificato di viaggio è il capo di Ryanair Michael O Leary. Ha detto al nostro giornalista Sandor Zsiros che il suo paese, l'Irlanda, è diventato lo zimbello in Europa per la "cattiva gestione della ripresa" e spera che tutti i paesi dell'UE saranno presto d'accordo.

Michael O Leary, AD di Ryanair ha detto: "Dobbiamo impedire ai singoli paesi di imporre regolamenti stupidi o inefficaci. Ora abbiamo il certificato digitale Covid che consente a tutti di arrivare, vaccinati. Questo dovrebbe dare ai tedeschi ad esempio la sicurezza di cui hanno bisogno. Il piano della signora Merkel che chiedeva ai visitatori provenienti dal Regno unito in Germania di mettersi in quarantena per due settimane, non aveva senso. Il Regno Unito è il paese con la popolazione più vaccinata in Europa".

Parlando del Regno Unito, un'altra questione che la Slovenia dovrà supervisionare sono i colloqui sul protocollo europeo fra Regno Unito e Irlanda del Nord.

Sebbene siano trascorsi più di 5 anni dal referendum sulla Brexit e più di 6 mesi dall'entrata in vigore della Brexit, questa è tutt'altro che fatta e questa settimana Bruxelles ha concesso una proroga di 3 mesi al periodo di grazia per i controlli sulle carni refrigerate, ovvero i supermercati nell'Irlanda del Nord possono ora rifornirsi di salsicce e carne macinata prodotte nel Regno Unito.

Per il funzionario europeo responsabile della Brexit, Maros Sefcovic, questo gesto è troppo poco.

SOT Commissario UE Maroš Šefčovič

“Non stiamo emettendo un assegno in bianco. Questa soluzione è di natura temporanea. Ci sono delle condizioni”.

Per molti in Europa, potrebbe essere necessario concedere un altro periodo di grazia tra tre mesi, ma ciò che mostra tutto ciò sono le implicazioni di una hard Brexit e l'impatto che sta avendo sul terreno.

Così Fabian Zuleg del Centro di politica europea: "Ci sono questi periodi di grazia, questi periodi di estensione che hanno contribuito fino ad ora ad attutire il colpo, ma ora vediamo già in molte aree il vero impatto della Brexit, cosa fa al commercio, cosa fa alle persone, alla migrazione, tutto questo continuerà".

Un altro impatto reale della Brexit è sui milioni di cittadini dell'UE nel Regno Unito... questa settimana è stato l'ultimo giorno in cui hanno potuto richiedere lo status di residente. Una vera sfida considerando che molti non hanno nemmeno un indirizzo email e che l'intero processo è digitale.

Così la dottoressa Dora-Olivia Vicol, antropologa esperta di giustizia del lavoro e fondatrice dell'organizzazione benefica Centro per i diritti del lavoro. Grazie per essere qui con noi. Un tema molto importante per i nostri telespettatori e per tante persone che hanno famiglia nel Regno Unito. Le persone sono davvero preoccupate per le notizie di questa settimana. La prima domanda è ovviamente: che cosa significa esattamente questo stato di residente e quali diritti saranno garantiti con esso.

Dora-Olivia Vicol: "Lo status di residentza UE è stato introdotto per proteggere i diritti dei cittadini europei arrivati ​​nel Regno Unito prima della fine della libertà di movimento. Per proteggere i loro diritti e quelli dei loro familiari stretti. dall'ingresso e residenza nel paese all'accesso ai servizi pubblici, al lavoro e all'affitto".

Euronews: "Sembra fantastico, ma la domanda era da completare giovedì scorso, il 1 luglio. Immagino che molte persone non siano riuscite a fare in tempo".

Dora-Olivia Vicol: "Sì, è vero. Sono preoccupata che questa diventi un'altra tempesta di tipo digitale. Abbiamo sentito innumerevoli persone che hanno difficoltà a fare domanda e il mio team ha lavorato tutti i giorni questa settimana, aiutando le persone a presentare domanda, fino a tre minuti dalla mezzanotte del giorno della scadenza. Siamo molto preoccupati che tante persone non abbiano fatto domanda. Siamo anche preoccupati che anche le persone che hanno presentato domanda non siano in grado di dimostrare il loro stato perché per la prima volta si tratta di uno stato solo digitale. E a volte non possono farlo perché stanno lottando con l'alfabetizzazione digitale o perché il sistema digitale stesso è difettoso".

Euronews: "Che compito enorme. Immagino che la domanda che tutti si pongonmo ora è se le persone che hanno mancato la scadenza, e immagino che molti lo abbiano fatto, possono ancora candidarsi? È troppo tardi?"

Dora-Olivia Vicol: "Dovrebbe essere possibile, ma è complicato. Il Ministero dell'Interno è stato chiaro: hanno discrezionalità sulle domande che accolgono. Ci sono una serie di motivi accettabili per i ritardi e i nuovi candidati dovranno includere una lettera che spieghi il motivo per cui ci sono stati ritardi. Alcuni dei motivi che saranno accettati dal Ministero degli Interni sono cose come essere disabili a causa di una malattia, essere vittime di abusi o vittime della schiavitù moderna".

Sebbene gli scienziati siano ancora arrabbiati dal fatto che gsi siano tenuti gli europei di calcio, visto il numero di casi di Covid che potrebbero essere provocati, c'è stata anche occasione di sorridere grazie ai tifosi che hanno potuto mostrare la loro fede calcistica.

Qui in Belgio, i fan hanno adorato ogni minuto delle partite e in particolare Bruxelles, che ospita TANTE nazionalità, è stata sommersa da un mare di bandiere.

Inoltre, il Belgio è in cima alle classifiche quando si tratta di vaccinazioni con ¾ dei belgi sopra i 18 anni già con una dose vaccino e il 42% completamente vaccinati. Un motivo per esultare, magari con cautela visto che tutti aspettiamo di vedere come questa variante Delta si diffonderà in tutto il continente.