ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La Polonia presenta il suo PNRR, addio al carbone

Access to the comments Commenti
Di Sandor Zsiros
euronews_icons_loading
Europe's largest lignite power plant in Belchatow, central Poland
Europe's largest lignite power plant in Belchatow, central Poland   -   Diritti d'autore  Czarek Sokolowski/Copyright 2018 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Da oppositori a beneficiari - la Polonia si prepara a ricevere miliardi dall'Unione Europea - ha rinunciato al veto sull'intero bilancio comunitario lo scorso anno.

Varsavia - insieme a Budapest in precedenza, si era opposta al cosiddetto meccanismo dello stato di diritto - che potrebbe effettivamente tagliare i fondi comunitari in caso di violazioni sistemiche. Ma ora il governo conservatore sta persino conducendo una campagna con i soldi freschi, nonostante il fatto che la questione abbia provocato tensioni di coalizione. Il minore partito di governo si oppone ai fondi di recupero.

Dice Michal Baranowski, Direttore del German Marshall Fund a Varsavia: "In effetti c'è già una grande campagna di promozione che mostra che questa sarà una somma di denaro molto consistente per l'economia polacca. Ma il partner della coalizione guidato dal ministro della giustizia Ziobro si è opposto principalmente in termini di antieuropeismo".

Il piano nazionale polacco includerà 23,9 miliardi di euro di sovvenzioni. e 12,1 miliardi di euro di prestiti. I pilastri principali sono la resilienza dell'economia, l'innovazione e la politica del mercato del lavoro, l'energia verde, la trasformazione digitale, i trasporti sostenibili e il sistema sanitario. Verranno realizzati dei parchi eolici, si svilupperanno infrastrutture 5G e si fomenterà l'assistenza sanitaria. La Polonia sarà in grado di stanziare fondi extra dal cosiddetto Just TRansition Fund, che aiuterà a eliminare gradualmente l'industria del carbone. Questo pero', potrebbe richiedere decenni a causa delle complicazioni politiche.

Michal Baranowski, Direttore, German Marshall Fund a Varsavia: "Il carbone non è solo una fonte di energia, è un aspetto della sicurezza energetica polacca, ma è ovviamente un enorme datore di lavoro. Quindi significa professioni ben retribuite e concentrate nella regione politicamente importante di Silesia. Nessun governo precedente è stato in grado di riformare l'industria del carbone. Allo stesso tempo abbiamo un consenso crescente sul fatto che la Polonia debba diventare verde ".

E una volta che lo Stato di diritto sarà condizionato, alcuni fondi potrebbero essere ritirati a causa dei dibattiti sull'influenza dei governi sul sistema giudiziario.

Michal Baranowski, Direttore, German Marshall Fund a Varsavia: "Quella condizionalità esiste e spetterà alla Commissione decidere come implementarla nel Fondo europeo di ripresa".

All'inizio di questa settimana è stata approvata una votazione nel parlamento nazionale dopo aspri dibattiti, consentendo la ratifica dei fondi di recupero. Ma le tensioni tra le forze politiche polacche rimangono alte riguardo all'uso dei fondi europei.